TecnoRib, debutto in acqua per il primo Pirelli 35

Il Pirelli 35 è pensato per una clientela alla ricerca del perfetto equilibrio tra design di bordo e prestazioni adrenaliniche

15 Dicembre 2020 | di Manuela Sciandra
Pirelli 35
Pirelli 35

TecnoRib, azienda licenziataria ufficiale dei gommoni a marchio Pirelli, ha annunciato che è stato effettuato con successo il varo tecnico della prima unità del Pirelli 35, il walkaround realizzato in collaborazione con lo studio svedese Mannerfelt Design Team, specializzato proprio in scafi da competizione.

Nato dal successo del Pirelli 42 e pensato per una clientela alla ricerca del perfetto equilibrio tra design di bordo e prestazioni adrenaliniche, il nuovo modello presenta dimensioni più contenute ma le stesse caratteristiche di un walkaround sportivo dalle linee aerodinamiche e dal look moderno e grintoso.

“Con il suo profilo moderno e slanciato – spiega Gianni De Bonis, Managing Director di TecnoRib – è stato pensato per una clientela alla ricerca del connubio tra design e velocità. Pirelli 35 si rivolge a un mercato sempre più ampio di armatori, che in un rib di queste dimensioni cercano sicurezza e adrenalina, garantite dalla carena con doppio step, ma anche attenzione per gli accessori di bordo, evoluzione stilistica e stile moderno”.

L’ampio spazio offerto dal camminamento perimetrale crea una conformazione walkaround molto comoda per un esemplare di questa taglia, mentre il layout permette un’estrema godibilità degli ambienti esterni, grazie ad ampi spazi prendisole sia a prua che a poppa, dove un comodo tavolino consente di pranzare all’aperto.

Inoltre, il modello, punto di partenza per un nuovo percorso che raccoglie e valorizza il DNA di un brand iconico e riconoscibile, conferma la volontà di innalzare il livello di eleganza di questa fascia di prodotto, a cui si aggiunge la possibilità per l’armatore di scegliere la motorizzazione a seconda delle proprie esigenze. La potenza prevista nella versione a benzina va da un minimo di 600 a un massimo di 700 cavalli, mentre nella versione diesel va da un minimo di 600 a un massimo di 640 cavalli.

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione