Porto di Imperia, restano i dubbi sul completamento dell'opera

Guido Corsi, direttore della Porto di Imperia S.p.A. a Genova per chiarire la vicenda del porto turistico

5 Aprile 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Durante una conferenza stampa tenutasi a Genova presso l’auditorium del Museo del Mare, la società Porto di Imperia S.p.A ha cercato di chiarire la complicata vicenda riguardante la costruzione del porto nella cittadina ligure. Il 5 marzo erano infatti finiti in manette l’imprenditore Francesco Bellavista Caltagirone, titolare della società Acquamare, e Carlo Conti, ex direttore della Porto di Imperia, con l’accusa di irregolarità e corruzione nella costruzione del nuovo porto turistico. Il rischio concreto che nelle ultime settimane ha fatto dormire sogni poco tranquilli ai clienti futuri della struttura, che hanno già acquistato i posti barca, è che il porto non venga completato e gli investitori debbano subire perdite onerose.

 

Come ha spiegato l’ingegnere Guido Corsi, attuale direttore generale della società, la Porto di Imperia ha convocato la stampa per fare chiarezza sulle gravi imprecisioni che nelle passate settimane sono state scritte sulla vicenda, su tutti quella riguardante lo stato del porto: la struttura di Imperia c’è e funziona, ha precisato l’ingegnere, e già da tempo sta erogando i suoi servizi per offrire un riparo sicuro alle barche che entrano in porto. Corsi è poi passato all’elogio della struttura, precisando che raramente in Italia in così poco tempo si vedono nascere infrastrutture di questo tipo: ma uno dei motivi per cui il Porto di Imperia rischia di essere bloccato è proprio la mancata consegna della struttura entro i termini prefissati.

 

La questione più spinosa, e anche la più complessa da chiarire, è il rapporto tra la Porto di Imperia S.p.A. e la società Acquamare di Francesco Bellavista Caltagirone, e soprattutto quali siano i ruoli di entrambe nella vicenda. Su questo punto Guido Corsi vuole essere preciso: la Porto di Imperia è la società che deve gestire il porto, quella che deve costruirlo è l’Acquamare, aggiungendo che già in passato le inadempienze di quest’ultima hanno causato seri problemi.  La questione tuttavia non appare del tutto chiara.

 

Il primo dubbio riguarda proprio la composizione societaria: la Porto di Imperia è una società per azioni il cui 33% è detenuto dalla stessa Acquamare di Caltagirone. La Porto di Imperia sostiene che la colpa dei ritardi di costruzione è di Acquamare, che fa però parte di se stessa. L’intrigo è lungi dall’essere risolto.

 

L’ingegnere Corsi ha espresso la speranza che, nell’interesse di Imperia e quindi in quello dei cittadini, l’infrastruttura venga portata a termine dopo l’ottenimento di una proroga, a patto che Acquamare interrompa ogni attività e rinunci al contratto. “Lasciateci lavorare”, ha esclamato, menzionando anche il problema dei tanti lavoratori,oltre 400, che sono coinvolti nella realizzazione del porto e che un’eventuale chiusura manderebbe a casa. La proposta fatta dalla Porto di Imperia al Comune, già respinta, è che tramite gara pubblica venga individuato un nuovo costruttore per completare i lavori, dopo avere ottenuto una proroga per la consegna degli stessi. Quest’iniziativa dovrebbe garantire a chi ha già acquistato il posto barca di non perdere il proprio investimento, ma sull’intera vicenda pesano le decisioni della magistratura, che valuteranno anche le eventuali responsabilità della Porto di Imperia prima di decidere se riprendere i lavori o meno.

 

Interrogato dal pubblico sulla possibilità che Acquadimare non abbia onorato il prestito che le banche le hanno erogato per realizzare i lavori, e quindi sulla concreta ipotesi che operatori finanziari terzi possano rivendicare diritti di ipoteca sulle strutture già realizzate, Guido Corsi ha risposto che se un prestito c’è stato riguarda Acquadimare. I beni di quest’ultima a rischio, che poi sono anche della Porto di Imperia,  sono le strutture del porto. L’interrogativo quindi, almeno in teoria, dovrebbe riguardare anche la società che l’ingegner Corsi rappresenta. Almeno in teoria. Misteri italiani.

 

Mauro Giuffrè

 

Può interessarti anche: Porto di Imperia, ecco chi rischia di pagare, Porto di Imperia arrestato Caltagirone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

GdF confisca yacht nel Porto di Imperia

  • 11 Giugno 2014

Il blitz delle Fiamme Gialle ha portato al sequestro dell'imbarcazione di Daniele Santucci indagato nell'ambito dell'inchiesta che riguarda la vicenda dell'ex ministro Claudio Scajola

Mercato nautica

Imperia Winter Regatta: le classifiche finali

  • 9 Dicembre 2013

Si è conclusa l'Imperia Winter Regatta, con una giornata finale caratterizzata da condizioni meteo splendide a esaltare la flotta di velisti internazionali

Mercato nautica

Festino pirotecnico improvvisato su uno yacht, 6000 euro di multa

  • 22 Luglio 2013

È accaduto nel porto di Imperia, dove alcuni ragazzi a bordo di uno yacht battente bandiera dell’Isola di Man hanno dato vita a uno spettacolo di fuochi artificiali: per loro 6.197 euro di multa per violazione dell’articolo 80 del Codice della Navigazione

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione