Portofino, divieti di ancoraggio ancora più severi?

17 aprile 2010 | di Redazione Liguria Nautica

portofinoLa legge numero 28 del luglio 2009 rischia di creare non pochi problemi. Con tale disposizione, infatti, la Regione Liguria ha recepito la direttiva europea “Habitat”. Si tratta di una serie di norme riguardanti la tutela dei Sic (Siti di interesse comunitario), finalizzate alla protezione e alla valorizzazione delle biodiversità. I Sic marini sono costituiti dalle praterie di posidonia. Dopo la 28/2009, la giunta regionale ha approvato una delibera (la numero 1507, novembre 2009) in cui è specificato che nelle aree in cui sono presenti le posidonie non è permesso l’ancoraggio ad imbarcazioni superiori ai 5 metri. Il 70% dei frequentatori abituali dell’Area Marina di Portofino, residenti a Camogli, Santa Margherita e a Portofino potrebbero non poter più ancorare nel “loro”parco. Una norma ancora più restrittiva rispetto al regolamento in vigore nell’Area marina, che prevede il divieto di ancoraggio per le imbarcazioni superiori ai 10 metri. L’Amp (Area marina protetta) di Portofino è sede di tre Sic piuttosto importanti: il posidonietto che si estende dal Cenobio dei Dogi, a Camogli, a Punta Chiappa, quello del Golfo tra la Cervara e Punta Pedale, vicino a Santa Margherita, e la Baia Cannone, a Portofino. Si rischia di creare un problema socialmente radicato. Quando era stato varato il regolamento dell’Amp si era tenuto conto della tutela dell’ambiente unitamente al consenso della gente residente. Se è vero che la legge comunitaria poco cambierebbe nei confronti della grande nautica da diporto, mantenendo inalterato l’indotto, non si può dire lo stesso della piccola nautica, che rischierebbe di essere tagliata fuori. Si riusciranno ad evitare confusione e polemiche proprio pochi mesi prima dell’inizio della stagione estiva?

e.r.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione