Portosole, alla base dell’incendio una cenetta romantica? Si cerca il responsabile

Secondo le ultime ricostruzioni degli investigatori, il resposabile – colposo – dell’incendio che ha distrutto e affondato due yacht di 27 e 24 metri a Portosole sarebbe un marinaio svedese di 22 anni, fuggito in Francia. Lo scandinavo stava cucinando per una ragazza quando si sono scatenate le fiamme

31 Agosto 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Nuovi aggiornamenti sull’incendio di Portosole – Pare che sia una cena romantica alla base del devastante incendio che mercoledì mattina ha distrutto e affondato due yacht, il 27 metri “Irbis” (un Pershing 90 battente bandiera inglese) e il 24 metri “Manhattan” (Mayora 24 immatricolato alle Isole Cayman) ormeggiati al Porto di Sanremo: la Polizia sta ricercando un marinaio svedese di 22 anni, tale Max Grybble, che secondo gli investigatori sarebbe responsabile di quanto accaduto, e si troverebbe in Francia.

 

Per lui le accuse di incendio e disastro mondiale. Lo scandinavo, quindi, non era solo a bordo dell’“Irbis”: con lui una misteriosa ospite, per la quale Grybble avrebbe deciso di cucinare delle bistecche o delle rostelle, sul ponte della barca. Dell’olio da cucina caduto sul fuoco avrebbe causato l’incendio. Secondo un’ipotesi il giovane avrebbe gettato della carne congelata in una padelle piena di olio bollente. Scatenando una fiammata che ha raggiunto lo scafo.

 

Sulla base delle prime informazioni a disposizione degli investigatori, il marinaio svedese avrebbe ricevuto l’incarico di sorvegliare la barca alcuni giorni prima, dopo lo sbarco del capitano e dell’equipaggio di ritorno da un viaggio. Grybble avrebbe trascorso la serata di martedì in compagnia di amici in un locale di Sanremo, ma a bordo dell’Irbis sarebbe salito solo lui, verso mezzanotte, insieme alla ragazza.

 

(fonte immagine Sanremo News)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione