Quei bravi ragazzi di Lisca Bianca e Gaetano Mura: l’esperimento della stampa 3D in navigazione

Sogni, idee, soliadarietà: questo e molto altro nell'incontro tra i ragazzi di Lisca Bianca e Gaetano Mura, con un esperimento interessantissimo

30 Novembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica
Gaetano Mura a Palermo con i ragazzi di Lisca Bianca

Quei bravi ragazzi di Lisca Bianca e quel sognatore di Gaetano Mura: la storia che vi stiamo per raccontare è una prosecuzione di quello che abbiamo scritto sul progetto sociale Lisca Bianca e su quello del Livrea 26.

A Palermo, intorno al restauro di Lisca Bianca (di cui si stanno occupando giovani rifugiati, ex tossicodipendenti della Comunità Santo Onofrio  e persone con disabilità), c’è ormai un vero e prorio laboratorio di idee e iniziative. Gaetano Mura, skipper sardo del Class 40 Bet 1128, è venuto a conoscenza di questa realtà e ha deciso di navigare da Cagliari a Palermo per conoscere questi ragazzi che dal sud Italia portano avanti la loro grande rivoluzione. Da quest’incontro è nato un esperimento di grandissimo interesse.

Il progetto Lisca Bianca e l’incontro con Mura

Animatore del progetto Lisca Bianca è Francesco Belvisi, giovane progettista palermitano che ormai da diversi anni si muove tra la sua passione per la vela, il progetto sociale del restauro di Lisca Bianca (la barca con la quale i coniugi Albegiani girarono il mondo negli anni 80) e un’insaziabile sete di innovazioni e nuove tecnologie che mette in pratica con i ragazzi di Lisca Bianca e con il Fablab Palermo (un officina di idee che spazia dalla grafica alla robotica, dalla programmazione al marketing).

L’incontro con Gaetano Mura offre a Francesco Belvisi, su input dello skipper sardo, l’occasione per un grande esperimento: provare una stampante 3d in navigazione. Quante volte infatti abbiamo sentito, in occasione delle regate in solitaria o in doppio, le difficoltà degli skipper nell’effettuare le riparazioni, trovare materiale per le sostituzioni alle varie avarie. Una stampante 3D in queste situazioni potrebbe cambiare l’esito di una regata.

E’ nata così l’idea di navigare da Palermo a Cagliari sul Class 40 di Gaetano Mura, per testare in navigazione la stampante 3D e provare a realizzare un pezzo utile in barca: per questo test si è deciso di realizzare l’elica di un idrogeneratore, un pezzo molto fragile che spesso ha causato non pochi problemi ai navigatori solitari.

Piazzata la stampante 3D a centro barca, con una connessione internet satellitare che ha permesso all’equipaggio di ricevere dai progettisti a terra i file necessari, la stampante 3D ha fatto il suo lavoro e ha sfornato un’elica pronta a essere impiegata per fornire l’indispensabile enrgia di bordo. Se pensiamo che diversi skipper all’ultimo Vendée Globe, pur possedendo tecnologia avanzata, telefoni econnessioni internet satellitari, non sono riusciti a superare problemi simili: questa può essere una grandissima rivoluzione che apre in futuro a scenari impensabili fino a pochi anni fa.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione