Il reportage dalla foce del Magra – Terza puntata

C'è anche chi ha perso la propria barca nell'alluvione e non è un riccone, ma ha lavorato sodo per comprarsela.

23 gennaio 2012 | di Redazione Liguria Nautica

L’alluvione degli scorsi 25-26 ottobre e la conseguente piena del Magra non hanno soltanto causato ingenti danni a livello idrogeologico e alle aziende, che si ritrovano “in braghe di tela” nella totale indifferenza delle istituzioni. Sono tanti quelli a cui il fiume ha portato via la barca: e mica si tratta di ricconi, ma di gente comune per cui la barca rappresentava il frutto di tanto sudore e sacrifici. A distanza di tre mesi dai tragici eventi che hanno coinvolto il levante ligure, abbiamo  cercato di fare il punto della situazione in un territorio devastato.

 

Paolo Corradini la sua barca, Mima, un Windy 26, pilotina norvegese di 7 metri e 70, l’ha perduta nello straripamento del Magra e non ha visto il becco di un quattrino nonostante abbia chiesto i danni perfino alla Regione Liguria: «Quando il fiume è tracimato – racconta il 64enne di Reggio Emilia, Mima era ormeggiata presso l’Antica Compagnia della Vela di Fiumaretta, nella darsena di Ripa Verde. Un pontone di un cantiere vicino è crollato danneggiando imbarcazioni e pontili. Della mia barca non ho più avuto notizie. Ho provato a chiedere un parziale rimborso dei danni alla Regione e al Comune di Ameglia, ma non si sono degnati neanche di rispondere. Inoltre penso che qualche responsabilità ce l’abbiano anche i titolari della darsena, perchè se mi avessero avvertito delle condizioni meteorologiche in tempo avrei dato disposizioni per mettere in secca la barca. E pensare che si sono anche persino rifiutati di rimborsarmi almeno una parte dell’affitto del posto barca!».

 

Eugenio Ruocco

 

LA PRIMA PUNTATA DEL NOSTRO REPORTAGE

LA SECONDA PUNTATA DEL NOSTRO REPORTAGE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento

  1. Antonio Russo ha detto:

    incarica un legale e, documenti di proprietà e di ormeggio alla mano, chiedi i danni a chi aveva la barca in custodia, otterrai sicuramente il rimborso comprensivo di interessi e spese legali. devi solo essere determinato ed avere pazienza.
    Antonio

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Incendiarono la barca: condannati per dolo e truffa

  • 29 ottobre 2014

I fatti sono successi nel 2011 sul fiume Magra nella zona di Sarzana: su commissione di Filippo Paoli, proprietario dello yacht Mister P, assicurato Lloyd’s, Pietro Guida e Filippo Baldini diedero fuoco alla barca di Paoli

Mercato nautica

A chi frega del Magra? Reportage a un anno dall’alluvione VIDEO

  • 25 novembre 2012

Siamo ritornati a poco più di un anno di distanza dalla tragica alluvione dello spezzino per capire com’è la situazione della piccola nautica alla foce del Magra. Un disastro: le istituzioni latitano, nonostante la buona volontà degli operatori

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione