Rete di porti turistici Mpn Marinas: quando la vacanza in barca va oltre il semplice ormeggio

La rete dei porti turistici Mpn Marinas è un innovativo sistema integrato di marine nelle più belle località italiane con servizi dal target molo elevato in grado di offrire al diportista non solo classici servizi nautici ma attività extra alla scoperta delle bellezze del territorio.

15 novembre 2017 | di Manuela D'Agostino
rete porti turistici-Mpn Marinas - Capo d'Orlando una delle otto marina aderenti
rete porti turistici-Mpn Marinas - Capo d'Orlando

Mpn Network è la prima società in Italia ad avere creato una rete di porti turistici. Al timone di Mpn c’è Enrico Bertacchi, amministratore delegato della società nata nel giugno del 2013 da una sua stessa idea, con l’obiettivo di rafforzare la presenza dei porti turistici italiani sui mercati internazionali, soprattutto del Nord Europa e di aumentarne il valore, creando un vero e proprio sistema integrato di marina dalle determinate caratteristiche e con servizi  di grande qualità, all’insegna di nuove soluzioni ricettive e turistiche per i diportisti stranieri e italiani. Così, dopo un annetto di messa a punto della rete, dal 2014 è attiva Mpn Marinas, la rete di porti turistici gestita da Mpn Network.

Liguria Nautica ha intervistato Enrico Bertacchi che ci ha spiegato come funziona questo sistema innovativo, che sta riscuotendo sempre più successo annoverando nuovi ingressi di marine e quali sono i suoi vantaggi.

LN – In cosa consiste e come funziona la rete Mpn Marinas ? 

EB – “Ogni marina ha un contratto di mandato con Mpn Network per regolamentare i servizi necessari. Ad oggi siamo circa una quindicina di professionisti  che in varia in forma eroghiamo servizi alla rete e quando richiesto in maniera specifica anche ai singoli marina. Per accedere al sistema basta che nel giro di pochi mesi il porto turistico si doti di un direttore fornito dalla nostra struttura, il marine manager, che conosce molto bene sia il porto che gestisce, sia tutte le attività fornite dalla rete presso il  marina stesso. Abbiamo realizzato così una struttura a matrice in cui ogni marina può richiedere alla rete tutti i servizi necessari per il suo funzionamento, rivolgendosi soprattutto ad una clientela straniera molto sofisticata”.

LN – I porti turistici affiliati alla Rete MPN Marinas quali servizi offrono in più rispetto ad un consueto ormeggio?

EB – “I servizi principali sono tutti garantiti, in più abbiamo servizi di help desk in 4 lingue (italiano, inglese, francese e tedesco). Forniamo assistenza e monitoraggio continuo ai nostri diportisti e alle loro imbarcazioni.  In più proponiamo tutto il  supporto operativo  per scoprire le bellezze del nostro Paese. Questo servizio va sotto il nome di ‘Routes on  land’  ed è l’area che ci permette di scoprire le bellezze nel raggio di 150 km dal nostro marina, di organizzare i tour e di monitorare che tutto vada bene, oltre a funzionare come moderno concierge fornendo al cliente qualsiasi risposta in termini di turismo territoriale”.

 LN – Quindi scegliendo uno dei marina aderenti si vive un’esperienza che va oltre l’ormeggio, con il porto che diventa un punto privilegiato di accesso al  territorio?

EB – “Sì, quest’ultimo punto è stato fondamentale nella nostra strategia per convincere i diportisti che sono in Spagna o in altri Paesi a venire in Italia”.

LN – Quali sono i vantaggi per un marina che entra nella rete?

EB – I vantaggi si possono sintetizzare così:

  • Maggior penetrazione dei mercati stranieri: la rete infatti piace molto e, prima ancora di andare a vedere i marina aderenti, i clienti tedeschi hanno voluto sapere di più della rete.
  • Un prezzo di listino un po’ più alto: l’appartenenza alla rete, le proposte territoriali e anche gli sconti che si vengono a creare tra i porti della rete, fanno sì che i clienti siano disposti a pagare qualche cosa di più (anche il 10%) pur di partecipare a questo progetto.
  • Un controllo maggiore dei costi: la rete permette grandi economie di scala che stiamo ancora sviluppando per fornire ad ogni porto una riduzione generale degli acquisti del 30%.
  • L’organizzazione operativa unica: con le nostre 120 attività che possiamo svolgere presso un marina, sappiamo che i nostri direttori si muovono tutti nello stesso modo”.

LN – Si sono aggiunti ultimamente dei nuovi porti turistici e se sì quali? A quanti posti barca siete arrivati ?

EB – “Oggi i marina sono 8, compresi 2 in costruzione: Porto Quatu Marina in Sardegna, Marina di Marsala  e Capo d’Orlando Marina in Sicilia, Marina di Rodi Garganico in Puglia, Porto di Cecina in Toscana, Marina di Santa Marinella nel Lazio, Porto turistico Marina Sveva nel Molise e Marina dei Cesari nelle Marche.  Un nono ha appena richiesto di far parte della rete, per un totale di oltre 6000 posti barca, compresi quelli in via di costruzione. L’obiettivo è arrivare a circa 20 porti in Italia, con oltre 15000 posti barca. Siamo sulla buona strada”.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento

  1. Cesare Capitani ha detto:

    Oltre a scrivere tante belle cazzate pubblicitarie, c’è da domandarsi se siete mai stati in crociera Italia!

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione