Caso Porto di Imperia Spa: una class action degli utenti per difendere i propri posti barca

Fernando Zucconi vuole promuovere un'azione legale per salvaguardare gli interessi di tutti coloro che hanno investito denaro in posti barca gestiti dalla Porto di Imperia Spa, società che si è vista revocare il 20 gennaio scorso la concessione demaniale per le aree portuali

31 gennaio 2011 | di Redazione Liguria Nautica

porto-di-imperia-spaLa revoca della concessione demaniale delle aree portuali alla Porto di Imperia Spa, ad opera del funzionario del settore Porto e Demanio del Comune di Imperia (a causa di presunte inadempienze della ditta) il 20 gennaio scorso, rischia di danneggiare seriamente gli utenti che hanno investito il loro denaro nella società, acquistando posti barca. Fernando Zucconi è uno di questi: “La possibilità di perdere il proprio denaro, ed anzi, di rimettercene ancora, sussiste, anche se non sappiamo ancora l’entità del rischio – esordisce Zucconi – Buona parte dei 1300 posti barca del Porto di Imperia sono stati acquistati da privati, privati che potrebbero ritrovarsi da un giorno all’altro con un pugno di mosche in mano”. Con il sostegno di un avvocato, Zucconi sta cercando di informarsi bene sui fatti. Dopo la revoca della concessione, però, la Porto di Imperia, avvalendosi delle normative sulla privacy, non fornisce alcun dato sull’entità del danno e sulle persone che potrebbero rimanere coinvolte. “Ho pensato che la cosa migliore da fare, per adesso, sia la creazione di un gruppo di persone che, come me, hanno investito i propri soldi in posti barca. Sto chiedendo alla stampa di diffondere il mio appello, perché proprio a causa della mancanza di informazioni molti non sanno dove andrà a finire il loro denaro. Il passo successivo sarà l’istituzione di una sorta di Class Action, atta a promuovere un’azione legale per la difesa dei nostri interessi”. Ma quante persone “rischiano”? “La mia valutazione, ad occhio e croce, senza dati disponibili alla mano (e non dipende da me!), si aggira intorno alle 500 persone, ma potrebbero essere di più. Ho creato su Facebook il gruppo Comitato Posti Barca Imperia, a cui basta richiedere l’amicizia per avere continui aggiornamenti sul caso”. E poi ci sono le spese di gestione, altro tasto dolente: “La revoca della concessione c’è stata, questo è palese. Ma la Porto di Imperia Spa ci ha raccontato che per adesso, in virtù del ricorso immediato al TAR, è stata sospesa. Però, oggi (31 gennaio, ndr) scade il termine ultimo per incamerare le spese di gestione, a carico degli utenti. Io dovrei pagare 2500 euro per il 2011. Un articolo apparso sul Secolo XIX il 28 gennaio, tuttavia, lascia intendere che la società sia disposta ad incamerare i pagamenti soltanto dopo l’eventuale sentenza del TAR. Così io ho mandato una lettera alla Porto di Imperia, con tanto di articolo allegato, spiegando le mie buone ragioni per non pagare. Se devo perdere il posto barca, e già questo è un crimine, che almeno non debba versare a vuoto 2500 euro”. Fernando Zucconi sta raccogliendo adesioni per promuovere la succitata class action, e lo fa non solo utilizzando il gruppo di Facebook. Per contattarlo e fornire i propri dati (cellulare e mail), potete scrivergli all’indirizzo fernando@fzucconi.com o chiamarlo al 335-457563

Eugenio Ruocco

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Il 2013 della Guardia Costiera d'Imperia

  • 30 dicembre 2013

Se vi hanno fatto arrabbiare per una multa salata, non dimenticate mai che il ruolo della Guardia Costiera è fondamentale per garantire la sicurezza di chi va per mare

Mercato nautica

Imperia Winter Regatta: le classifiche finali

  • 9 dicembre 2013

Si è conclusa l'Imperia Winter Regatta, con una giornata finale caratterizzata da condizioni meteo splendide a esaltare la flotta di velisti internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Fernando ha detto:

    Sig Salvatore il problema non e’ quello delle spese!!!, c’e’ di mezzo il nostro investimento, se la Porto di Imperia Spa non riuscisse a riottenere la concessione demaniale i nostri contratti di “acquisto” dei posti barca potrebbero non valere piu’ niente !!!!
    Se mi lascia la sua Email la metto nella mail list dei “proprietari” che manteniamo regolarmente aggiornati sugli sviluppi del caso

  2. GENTILE SALVATORE ha detto:

    anche io ho acquistato un posto barca di 16 metri, e non fo pagato gli oneri 2011.

    Cordiali saluti

    Salvatore Gentile

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione