Ricominciano allo YCI i corsi del primo centro di allenamento italiano alla vela oceanica

Dopo il successo riscosso lo scorso anno, ricominciano presso la Scuola di Mare Beppe Croce dello Yacht Club Italiano i corsi organizzati dal primo centro italiano di allenamento alla vela oceanica in equipaggio ridotto

22 Novembre 2011 | di Redazione Liguria Nautica

(foto Ligurianautica.com)

 

Questo polo, nato dalla partnership fra la Classe Mini 650 italiana e la Scuola di Mare “Beppe Croce” dello Yacht Club Italiano, punta a diventare il riferimento italiano degli atleti della “course au large”.
Finita da pochi giorni la Transat 650, regata in solitario di 4300 miglia, da La Rochelle al Brasile, i dodici velisti (quasi il doppio di quelli dell’anno scorso) che partecipano agli allenamenti a Genova si preparano non solo alle regate della prossima stagione, ma anche a delineare il proprio progetto personale in vista della Transat 2013.

 

 Ben nota per la sua durezza, questa regata necessita di una preparazione fisica, tecnica e psicologica minuziosa. La Mini Transat è una delle poche regate internazionali che ancora conservano intatto il gusto del misurarsi con se stessi con poca tecnologia e tanto impegno, concentrazione, preparazione. Centrale il rapporto con la propria barca, che diventa il vero equipaggio di un “minista”, che con lei, prima della Grande Partenza, ha già dovuto solcare centinaia di miglia per qualificarsi.

 

 A indirizzare, consigliare e allenare i dodici atleti ci saranno quest’anno due ingegneri e ministi italiani fra i più sperimentati: Andrea Caracci e Riccardo Apolloni.

Andrea Caracci che con i suoi risultati, prima di tutto in 470, poi in Mini (ha all’attivo 4 MiniTransat ed è campione italiano della categoria proto) rappresenta con successo l’Italia della vela nei circuiti internazionali.

Riccardo Apolloni è il solo minista Italiano ad aver detenuto la prima posizione nella ranking list mondiale (2008) e ad aver vinto regate come la Mini Max e la Mini Port Medoc.

 

 I corsi di quest’anno sono dedicati a quattro punti fondamentali:

  • lo sviluppo delle polari di velocità della barca
  • la strategia di regata

 

  • la messa a punto dei piloti
  • la sicurezza e  il meteo

 

Quando si è da soli in mezzo all’oceano il detto “una mano per te, una per la barca” diventa sacro: conoscere la propria barca e sapersi muovere in sicurezza dev’essere la base per tutti i marinai, ma per un solitario è legge.

 

La gestione del sonno e della fatica diventa un corollario della voce sicurezza: passare ore alla barra, magari con brutto tempo, è un esercizio fisico e mentale difficile, che non si può improvvisare.

 Strategia e meteo sono i miglior alleati per la vittoria: non basta infatti sapere cosa sia una depressione o un anticiclone, ma è necessario saper decidere la rotta vincente senza supporti cartografici nè PC d’ultima generazione.

 

La regola E 16  della Guida Mini, infatti, proibisce l’utilizzo di telefoni cellulari, telefoni satellitari o computer a bordo e permette solo  posizionatori non cartografici.

 

Il centro italiano di allenamento alla vela oceanica beneficia dell’importante supporto logistico dello Yacht Club Italiano e della sua Scuola di Mare “Beppe Croce”, che ne hanno da subito abbracciato lo spirito, il desiderio di creare un polo in cui l’esperienza di chi ha già vissuto l’avventura della Mini Transat possa essere d’aiuto per altri armatori, un modo affinché la cultura marinara non resti a beneficio del singolo, ma che, come ogni cultura, si diffonda e diventi patrimonio comune.

 

 Francesca Pradelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione