Riforma dei Porti: la ragioneria dello Stato la boccia, è una saga senza fine

Parere negativo alla riforma dei porti, secondo il Ministero dell'economia manca la certezza che l'autonomia non comporti costi per la PA

9 Aprile 2015 | di Manuela Facino

riforma_dei_portiDopo l’ “ottimo” lavoro svolto dall’ex Ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi, iniziano subito le grane per Graziano Delrio, nominato da Renzi in sostituzione dell’esponente NCD. Delrio, classe 1960 e una laurea in medicina che notoriamente è materia affine alle infrastrutture, è un uomo di fiducia di Renzi (già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) ma sarà la persona giusta per rimettere in piedi il devastato Ministero delle Infrastrutture? La strada parte subito in salita.

 

E’ stato infatti bocciato dalla Ragioneria generale dello Stato l’articolo 14 del disegno di Legge 370/2014, la famosa Riforma dei Porti, che stabilisce l’autonomia finanziaria delle Autorità portuali. La legge, a tutela delle autorità, le esenta dalle imposte dirette, favorendo loro importanti risorse. Ma questo comporterà costi aggiuntivi per la pubblica amministrazione? Difficile a dirsi visto che i ragionieri dello stato dichiarano una mancanza di una relazione tecnica a riguardo.

 

E non è tutto. La ragioneria richiede che le autorità portuali chiudano i bilanci in pareggio o avanzo, cosa non così scontata anzi. Si tratterebbe infatti di un duro colpo al concetto di “autonomia” finanziaria a cui si aggiunge il divieto comunitario di trasferire fondi alle Autorità portuali, perché sarebbe considerato un aiuto di Stato.

 

La proposta più recente (considerando che la riforma doveva essere pronta entro lo scorso marzo) riguarda la comparsa di una nuova istituzione: l’Agenzia unica dei porti. Possibile deus ex machina o super “autorità del caos”?

 

Attendiamo solo che il ministro dei trasporti Graziano Delrio si pronunci sul futuro dell’autonomia portuale a seguito del recente parere negativo. L’impressione è che la riforma dei porti sia diventata ormai una chimera, un rompicapo su cui il Governo inanella un insuccesso dopo l’altro. Al medico con specializzazione in endocrinologia Graziano Delrio, adesso per continuità professionale Ministro alle Infrastrutture, auguriamo buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. franco ha detto:

    l’accorpamento delle autorità non serve (24, 15 o 6 è uguale), invece è utile una agenzia centrale di coordinamento.

  2. Dal 1975 lo stato ha sempre fatto leggi e regolamenti che ostacolano la nautica da diporto Il burocratichese impera.
    Nonostante ciò la nautica si è sviluppata anche con difficoltà e sono state privilegiate le nazioni vicine Francia in primis che PUR FACENDO RISPETTARE TUTTE LE LEGGI E REGOLE accolgono nei loro porti danno servizi VERI E COMPLETI e non disturbano, molestano, infastidiscano.
    Va bene che siamo la popolazione tra le Più intelligenti del mondo intero ma non ce la possiamo fare contro tutti che VOGLIONO,DISTRUGGERE, L’ECONOMINA ,LA SICUREZZA LA RELIGIONE CRISTIANA LA FAMIGLIA ecc ecc E PER ULTIMIO LA NAUTICA DA DIPORTO

  3. Roberto Campini ha detto:

    Ancora un burocrate che affossa lo spirito di rinnovamento di un politico illuminato come Lupi.
    Che mondo !

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Ciao Ciao Lupi, ma noi lo sapevamo già

  • 20 Marzo 2015

Le dimissioni del Ministro alle Infrastrutture e i Trasporti, a seguito dell'inchiesta della Procura di Firenze sul sistema di corruzione e clientele che coinvolge alcuni imprenditori e lo stesso Lupi, rischiano di affondare anche la riforma dei porti

Mercato nautica

Riforma dei porti: la saga continua

  • 11 Marzo 2015

Il Ministro Lupi continua il balletto tra incontri, proclami e dubbi. Intanto nel Paese la sciopero nazionale dei porti si scaglia contro le possibili massicce privatizzazioni dei servizi tecnico-nautici

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione