Dalle bombole allo yacht: con i rimorchiatori PMP basta un tocco per spostare ogni cosa

L’azienda lombarda offre una vasta scelta di rimorchiatori e martinetti, con una linea dedicata alla nautica, ideale per aziende e semplici diportisti

27 novembre 2017 | di Giuseppe Orrù
Rimorchiatori PMP
Rimorchiatori PMP

Ce n’è davvero per tutti i gusti e soprattutto per tutte le esigenze. Per spostare le bombole dal diving al pontile prima di imbarcarsi per un’immersione, per spostare il carrello di uno yacht nel piazzale di un cantiere nautico, oppure per portarlo sotto la gru per il varo. I rimorchiatori (di terra) della PMP vanno incontro ad ogni esigenza del settore nautico e si rivolgono ai professionisti e alle imprese nautiche ma anche ai singoli diportisti. Una vasta scelta di modelli, cingolati o gommati, permetteranno ogni spostamento, su qualsiasi tipo di terreno e di spiaggia, compresa quella sabbiosa o con le pietre.

L’INCONTRO TRA PMP E LA NAUTICA

L’incontro tra la PMP e la nautica è il frutto di un’attività iniziata da tempo in un altro settore, quello dell’ambiente. Dal 1980, infatti, PMP è impegnata nella progettazione e realizzazione di biocippatrici e aspiratori di foglie, macchinari che sono stati poi installati su dispositivi autotrainanti o dotati di cingoli. Inoltre l’azienda di Dairago, in provincia di Milano, offre un’ampia gamma di macchinari dedicati al mondo della nautica e dell’aeronautica. Si tratta di rimorchiatori e martinetti potenti e maneggevoli per imbarcazioni, roulotte e carrelli in genere.

Sono ottimi per il varo e l’alaggio di imbarcazioni tramite verricello. Che si tratti di spostare il carrello di uno yacht o un aereo o un elicottero, i dispositivi PMP permettono di farlo in modo sicuro, semplice e con il minimo sforzo. Fondamentale per l’azienda è la scelta dei fornitori, che realizzano dei semilavorati qualitativamente garantiti. La continua ricerca ha permesso alla PMP di affermarsi anche sui mercati esteri come Inghilterra, Spagna, Germania, Francia e Belgio. Da diversi anni l’impresa di Dairago è inoltre presente alle manifestazioni fieristiche più importanti nel settore ambientale, nautico e aeronautico. Il prossimo appuntamento sarà al Salone Nautico di Parigi, allo Stand 2-2 C12

CON PMP LO YACHT E’ MOBILE

Il catalogo Nautica di PMP è davvero ricco, con delle produzioni uniche. E’ il caso del martinetto elettro-idraulico Formula 1 Radiocomandato, in grado di trainare fino a 20 tonnellate a distanza, agendo semplicemente su un telecomando. Ma ci sono anche rimorchiatori più piccoli, come il Jet Sky Tug, ideale per spostare le moto d’acqua, oppure il TC 1000 porta bombole con compressore, che permette di trasportare fino a otto bombole, con un compressore per la ricarica. Si tratta di uno strumento ideale per i diving sulla spiaggia: infatti al posto delle ruote ha dei cingoli che gli consentono di spostarsi con agilità sulla sabbia o sulle pietre del bagnasciuga.

Oltre a dei prodotti radiocomandati, per consentire all’operatore di agire in sicurezza e distante dal carico che sta spostando, molti dei rimorchiatori e martinetti di PMP vengono proposti anche in versione cingolata, proprio per venire incontro a chi ha bisogno di lavorare direttamente sull’arenile. Ci sono anche macchinari per livellare la sabbia, come il TC 1000, oppure un rimorchiatore anfibio, ideale per varare o alare le barche portando il carrello direttamente in acqua, come il Tug Anphibious.

PMP PENSA AL CANTIERE E AL DIPORTISTA

I rimorchiatori e i martinetti PMP sono strumenti fondamentali per qualsiasi attività legata alla nautica. Come un cantiere o una rimessa che deve spostare i carrelli delle imbarcazioni dalla piazzola alla gru, o viceversa, per il varo o l’alaggio. Oppure spostare uno scafo in riparazione dall’officina alla sua piazzola in rimessa. Ma ci sono anche rimorchiatori più piccoli, pensati ad esempio per un diportista che ha un carrello in un garage privato e lo vuole spostare da una parte all’altra della sua proprietà, oppure spostare la sua barca nel piazzale del porticciolo, fino a presentarsi col carrello direttamente allo scivolo a mare per alare la barca.

NUOVI PRODOTTI PER OGNI ESIGENZA

Basta una chiacchierata con Giuseppe Olgiati, titolare della PMP, per capire che il suo concetto di mobilità si può applicare davvero alle più differenti situazioni. “Durante le vacanze natalizie -ha spiegato Olgiati- andai in officina a sperimentare un modello che avevo in mente da tempo. Si tratta di una carrozzina cingolata per disabili, che poi ho portato ad una fiera per ascoltare i pareri dei visitatori. Si chiama Liberty e tutti l’hanno notata per la sua particolarità ma cercavano il gancio traino. Allora gliel’ho aggiunto. Ora, oltre a essere una carrozzina per disabili, la sua richiesta -ha sottolineato il titolare della PMP- si sta espandendo tra tutto il pubblico, che lo vuole per trainare il proprio carrello sulla sabbia in modo autonomo. Ora -ha annunciato Olgiati- stiamo preparando un modello leggermente diverso, con motori più potenti e veloci”.

 

Giuseppe Orrù

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione