Route du Rhum: Pedote chiude decimo, l'analisi meteo della regata

Il risultato di Giancarlo Pedotte, un ottimo decimo in rimonta tra i Class 40, e l'analisi meteo di questa seconda parte di regata

21 novembre 2014 | di Paolo Gemelli

Tempo di arrivi per gli italiani alla Route du Rhum. Dopo il sesto posto dell’italo francese Alessandro Di Benedetto nella classe IMOCA, è toccato a Giancarlo Pedote il sorso di Rhum non appena messo piede a Point à Pitre. Decimo posto per lo skipper toscano, autore di una grande rimonta dall’ultimo posto dopo il pit stop forzato a Roscoff. Fantastica, il Class 40 di Pedote, ha combattuto anche con alcuni problemi tecnici nelle battute finali, tra i quali un pesante fascio di alghe incastrato nella chiglia che gli ha fatto perdere la nona posizione. Nella classe Rhum Andrea Mura è ormai a poco più di 100 miglia dal traguardo, in seconda posizione.

 

L’analisi meteo

La seconda metà della navigazione che dalle coste della Normandia porta gli equipaggi della Route du Rhum verso i Caraibi risente delle condizioni tipiche delle latitudini tropicali e sub tropicali. Si tratta, nella maggior parte dei casi di navigare a margine di aree anticicloniche dove il rischio di rimanere senza vento è concreto. Gli alisei consentono di navigare agevolmente fino al 40-esimo meridiano poi, molto spesso, perdono la componente settentrionale e assumono provenienza da est. Trovarsi mal posizionati rispetto a questa nuova situazione implica lunghe navigazioni di poppa, a discapito della velocità. Sebbene la stagione degli uragani a Novembre è generalmente conclusa, l’eventualità di incontrare vortici depressionari anche a basse latitudini non è particolarmente remota. Trattandosi di una regata la corretta gestione del passaggio di una depressione può portare un vantaggio significativo in termini di miglia, anche se i rischi rimangono. L’attività temporalesca è frequente, e come ci si può attendere ai tropici dipende in larga misura dalla temperatura dell’oceano. Si tratta sempre di fenomeni violenti associati a groppi di vento e onde ripide che possono mettere a dura prova gli skipper, specialmente in una regata in solitario.

 

Per quanto riguarda le fonti di informazione meteo: metarea II e IV del sistema GMDSS, forniscono informazioni testuali e avvisi di fenomeni intensi. Anche se non vengono risolti i fenomeni locali sono fondamentali anche le carte radiofax  che consentono una visione d’insieme su lunghe tratte della rotta. Da ricordardi di consultare anche le carte in quota, a 500 hPa, per poter disporre di una stima della direzione e velocità di spostamento delle depressioni. Infine è importante avere osservazioni dirette: queste sono disponibili attraverso la rete di boe oceanografiche presenti nella zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Loick Peyron sbanca la Route du Rhum, è record

  • 10 novembre 2014

Lo skipper francese a bordo del trimarano Banque Populaire VII ha battuto il record della storica regata in 7 giorni, 15 ore e 8 minuti. Soffrono gli italiani, Vento di Sardegna incappa nell'anticiclone

Vela

Due Class 40 perdono la chiglia: che succede?

  • 6 novembre 2014

I due Class 40 del cantiere Sabrosa perdono la chiglia durante la Rout du Rhum, un problema già visto nella classe IMOCA e risolto con l'introduzione di elementi one design

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione