Servizio demolizione barche cercasi, mecNautica risponde

Oltre a fornire servizi di rimessaggio, mecNautica ha recentemente implementato la propria offerta, acquistando macchinari per la demolizione di imbarcazioni fino a 18 metri. La nostra intervista all'amministratore dell'azienda Carlo Perini

15 novembre 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Il cantiere di rimessaggio mecNautica è un’azienda in forte crescita, lo testimonia l’ultimo importante investimento: il servizio di demolizione di barche da diporto lunghe fino a 18 metri. Legno o vetroresina, mecNautica può demolire entrambe gli scafi nel rispetto delle norme e dell’ambiente, ma non è tutto. Lo staff aziendale ha la possibilità di eseguire dei sopralluoghi e fornire preventivi gratuiti a tutti coloro che desiderano avvalersi del servizio.

 

Il cantiere si estende su 1000 metri quadri di area coperta e 1500 mq di area all’aperto, può ospitare barche sino a 18 metri e garantisce un servizio di messa in sicurezza per chi sceglie di porre la barca a riposo durante la stagione invernale. Abbiamo incontrato Carlo Perini, amministratore unico di mecNautica e gli abbiamo chiesto di tracciare il profilo dell’azienda in un’intervista.

 

Rari e preziosi, i cantieri demolitori in Liguria sono una specie in via d’estinzione: cosa offre mecNautica al cliente che vuole “sbarazzarsi” della propria barca?

«Concordo su rari e preziosi ma mi permetta di dissentire sul fatto che è una specie in via d’estinzione, anzi, è un business nascente. L’argomento demolizione imbarcazione in vetroresina o legno è sempre stato un problema che forse, adesso, è ora di cominciare risolvere almeno nel nostro piccolo. Noi ci siamo sempre occupati di offrire servizi di rimessaggio e manutenzione a 360°: ma quando tutto finisce e la barca ha raggiunto il momento critico di non ritorno e deve essere demolita? Ci siamo posti la domanda e abbiamo deciso di provare a fornire una soluzione anche per questo».

 

Quali sistemi utilizzate per la demolizione? Il proprietario della barca ha la garanzia che il materiale venga smaltito correttamente per non avere brutte sorprese?

«Il sistema non è altro che il lavoro “al contrario” di quello che facciamo oggi. Invece di mettere una vite la togliamo, invece che eseguire una riparazione allo scafo lo tagliamo in pezzi, non proviamo ad avviare un motore ma lo smontiamo. Il proprietario avrà la garanzia che la barca sarà scomposta sino all’ultima vite e lo smaltimento dei materiali eseguito nel rispetto delle norme da aziende specializzate e certificate del settore. Ci sono anche materiali che saranno riciclati, come quelli ferrosi».

 

Il servizio di demolizione è una delle vostre strategie anticrisi?

«Più che una strategia anti-crisi è una presa di coscienza del fatto che non possiamo continuare ad abbandonare “rottami” nei porti turistici o in piazzali all’aperto deturpando i panorami di alcune località. La nautica in questi ultimi tempi è stata massacrata, trovo eccessivo e patetico l’accanimento nei confronti di chi ha una barca, questo ha dissestato tutto l’indotto e in Italia molte famiglie lavorano, o meglio, lavoravano, in questo settore ormai in piena crisi».

 

Come state affrontando il momento?

«Speriamo sia solo un momento. Riduzione dei costi e quindi del personale, maggior concorrenza mantenendo gli stessi standard qualitativi, stringendo i denti e la cinghia e ampliando i nostri servizi per continuare a fare questo meraviglioso lavoro che ci permette di stare a contatto con le persone e il mare».

 

Quali altri servizi offrite?

«Il personale specializzato è preparato per qualsiasi tipo d’intervento: meccanico, elettrico e di falegnameria. La movimentazione delle barche avviene attraverso operatori qualificati in trasporti nautici, permettendoci di raggiungere qualsiasi luogo in Italia; inoltre offriamo un servizio di trasferimento imbarcazioni in tutto il Mediterraneo. Siamo specializzati in lavori di sabbiatura scafi, trattamenti anti osmosi, installazione eliche di prua, lavorazioni in vetroresina e legno, installazioni di elettronica bordo, realizzazione impianti audio video, antenne satellitari e aria condizionata. Siamo anche concessionaria e assistenza autorizzata del prestigioso marchio di motori fuoribordo Mercury e di tutti i prodotti da esso commercializzati, garantendo così un unico interlocutore dalla vendita all’assistenza».

 

Manuela Facino

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Imbarcazioni: l’estimo navale e il valore dell’usato

  • 22 febbraio 2017

Quando si parla di imbarcazioni e soprattutto del valore dell’usato non è difficile imbattersi in fantasiose tabelle e indicatori che dovrebbero indicare (probabilmente con assoluta certezza) il valore medio di un’unità da mettere in compravendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione