SFIDE – La fine del sogno: Rossi e Tosi naufraghi in Atlantico

Andrea Rossi e Luca Tosi stavano compiendo la traversata Dakar-Guadalupa a bordo di un catamarano di 6,10 metri non abitabile. Erano in vantaggio, in termini di tempo, sul record dei francesi Lequin e Moreau, ma un’avaria ai timoni ha infranto il loro sogno, costringendoli a chiedere soccorso (stanno bene, ora sono su una petroliera diretta in Costa d’Avorio) e ad abbandonare il loro amato catamarano in Atlantico

28 Gennaio 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Si spegne in una notte il sogno di Andrea Rossi e Luca Tosi, i due ragazzi che stavano provando a battere il record di traversata Dakar-Guadalupa a bordo di un catamarano non abitabile di 6,10 metri. Un’avaria ai timoni li ha costretti a rinunciare all’impresa, e a optare per la richiesta di soccorso nella notte tra il 26 e il 27 gennaio.

 

Sono stati recuperati in mezzo all’Atlantico (a oltre 1000 miglia dalle coste del Senegal e a 1500 dalla Guadalupa) da una petroliera battente bandiera delle Isole Marshall, la “Genmar Argus”, diretta ad Abidjian, capitale della Costa D’Avorio, dove arriverà il prossimo 2 febbraio. I ragazzi stanno bene, ma purtroppo hanno dovuto abbandonare in mare il loro catamarano, Jrata3 WullschlegerGroup.

 

Rossi e Tosi, in un primo momento, hanno provato a contattare lo svizzero Bernard Stamm, il navigatore svizzero da poco squalificato al Vendée che sta risalendo l’Atlantico per raggiungere la Francia), ma né lui né altre imbarcazioni da diporto erano nelle vicinanze, così la petroliera di 250 metri è stata dirottata sul posto dal SAR Martinica in accordo con il SAR Italiano.

 

Raggiunti alle 5 del mattino di domenica 27 gennaio, i due ragazzi hanno preferito aspettare la luce del sole per il trasbordo: non è facile salire su una nave da 250 metri, soprattutto con il mare mosso. L’operazione, che ha richiesto notevole perizia sia da parte dell’equipaggio della petroliera che di Andrea e Luca, si è svolta alle 16.

 

Peccato. I due ragazzi stavano navigando alla grande, il 25 gennaio avevano 102 miglia di vantaggio, corrispondenti a 11 ore e 54 secondi, sul precedente record stabilito dai francesi Lequin e Moreau. Ma conosciamo la loro tempra e la loro determinazione. E siamo sicuri che, prima o poi, ci riproveranno!

 

E.R.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Meteo pratico

METEO PRATICO – Rotta verso casa

    Dai Caraibi a Gibilterra: la rotta di rientro per molte barche che hanno trascorso l'inverno dall'altra parte dell'Atlantico può riservare amare sorprese.

    Mercato nautica

    Giro d'Irlanda: record assoluto per il MOD70

    • 8 Maggio 2015

    Il trimarano guidato dallo skipper Sidney Gavignet ha completato le 700 miglia in meno di cinque ore. Quasi quattro in meno rispetto al tempo fatto segnare da Steve Fosset nel 1993

    © Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
    registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
    Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

    Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

    sito realizzato da SUNDAY Comunicazione