SPECIALE AC WORLD SERIES: condizioni durissime a Napoli

Esordio spettacolare degli ACWS a Napoli: tanto vento e onda per due regate cariche di adrenalina

11 Aprile 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Spettacolo e adrenalina a non finire nel golfo di Napoli per il primo giorno degli ACWS, complice uno scirocco intenso che ha soffiato dai 18 ai 30 nodi, accompagnato da un’onda particolarmente formata che ha reso la vita difficilissima agli equipaggi degli AC45. Due le regate svolte, la prima vinta da Oracle Spithill e la seconda da Team New Zealand, entrambe disputate in condizioni di vento e mare quasi al limite.

 

Le due Luna Rossa, Piranha e Swordifish, sono le grandi assenti di giornata: nella prima regata finiscono rispettivamente sesta e settima, nella seconda chiudono con un 6-5 di poco migliore. Partenze negative e qualche difficoltà in fase di conduzione hanno penalizzato i due equipaggi di Team Prada, ma per rincuorarsi basta guardare agli altri team. Gli svedesi di Artemis sono incappati in una rovinosa scuffia nella prima prova; incidente che ha causato la rottura dell’ala e il conseguente ritiro da entrambe le regate di giornata. Stessa sorte per team China ma per un guaio tecnico. Appena più fortunato Oracle Bundock, che decide a causa di un’avaria di rimanere a terra per la seconda regata.

 

Il campo di gara di Napoli si è presentato con molte insidie, a cominciare da un’onda difficilissima da gestire, corta e ripida. Il bordo di bolina mure a destra contro onda, pur essendo il bordo buono, ha esposto gli AC45 a voli pazzeschi sulle creste e non sono mancate neanche le difficoltà in virata. Le velocità degli AC45 sono comunque elevatissime: con 25-27 nodi la bolina le barche corrono tra i 10 e i 15, mentre al lasco superano agevolmente i 20 nodi con punte a 23-24.

L’episodio più interessante di giornata da un punto di vista tecnico, la scuffia di Artemis, evidenzia uno dei punti critici di questi catamarani. Quando le barche raggiungono la boa di bolina “poggiano” violentemente per raggiungere il lasco: questo cambio di rotta provoca una notevole accelerazione alla barca. Con onda formata può accadere quello che è successo ad Artemis: la barca accelera sull’onda e al momento della discesa dalla cresta gli scafi si inchiodano con le prue in acqua provocando la scuffia. La troppa velocità, come in questo caso, può portare a un incidente dagli esiti disastrosi.

 

Il pubblico a terra non è mancato anche se non è stato quello delle grandi occasioni, a causa delle condizioni meteo difficili e della giornata lavorativa. Il pienone è atteso nel weekend, tempo permettendo. Lo spettacolo sportivo e tecnico è stato ai massimi livelli, e le premesse per la riuscita della manifestazione ci sono tutte.  Appuntamento a domani per le prime regate di match race.

 

Mauro Giuffrè

 

Luna Rossa in allenamento, foto di Carlo Borlenghi:

[nggallery id=103]

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Vela

America's Cup: gli sfidanti sono cinque, ma dove si regata?

  • 22 Agosto 2014

Oltre a Luna Rossa, partiranno all'attacco di Oracle gli inossidabili di Team New Zealand, Team France, Ben Ainslie Racing e Artemis. Il livello tecnico delle regate sui nuovi AC 62 promette di essere altissimo, così come le due stagioni di AC World Series, sugli AC 45, che precederanno la sfida finale. Resta però aperta la domanda fondamentale: dove si disputerà la prossima Coppa?

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione