SPECIALE NAUTICO 2013 – Quanto pubblico c'è veramente?

Prime impressioni positive sulla presenza di pubblico, ma restano i dubbi sui costi per gli espositori

4 ottobre 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Possiamo dirlo, il Salone Nautico 2013 tiene e la nuova organizzazione, almeno sotto il profilo del pubblico presente, sembra funzionare. Saranno anche gli spazi più concentrati a offrire il colpo d’occhio, ma la sensazione è che il pubblico effettivamente stia visitando il salone in buon numero.

Il settore vela, sul quale il Salone 2013 ha puntato molto, resta uno dei motori trainanti della Fiera: il pubblico gradisce, e l’agenda degli appuntamenti dei rivenditori resta piuttosto piena durante la giornata, con un continuo via vai di appassionati che salgono sui modelli esposti per scoprirne i particolari. Certo manca qualche cantiere di vertice: Hallberg Rassy e Oyster sono gli assenti illustri, X-Yachts c’è ma la sua presenza è piuttosto ridotta rispetto agli altri anni.

 

Discreta la presenza di pubblico al padiglione B su entrambi i piani, fuoribordo e accessori, mentre in quello esclusivamente dedicato ai motori, il Power Village, le novità non sembrano molte e la risposta del pubblico è stata tiepida, forse anche per una collocazione non felicissima del padiglione all’interno della fiera.

 

I dubbi maggiori restano sui costi: quanto pesa questo Salone sugli espositori? Non siamo riusciti ancora ad avere un quadro chiaro ma abbiamo percepito delle lamentele. La permanenza delle barche in acqua sembra restare molto cara, e non sempre i servizi offerti sono allo stesso livello. Se il Salone, come ha dichiarato il Presidente UCINA Albertoni, ha come nuovo obbiettivo quello di guardare al Mediterraneo, deve fare i conti con le condizioni economiche dell’intera area: se i cantieri vendono poco difficilmente possono sostenere i costi di un Salone non calibrato sull’attuale fase economica. La riduzione dei giorni è stata fondamentale per la sopravvivenza, la riorganizzazione degli spazi utile a migliorare la visibilità di molti espositori, ma la strada verso la rinascita deve passare indiscutibilmente dai costi.

Tutti però sono concordi nel sostenere che il Salone deve restare a Genova e non deve morire. A che prezzo? Domenica sera si tireranno i primi bilanci dell’edizione della “svolta”.

 

Mauro Giuffrè

 

Foto di proprietà esclusiva di Liguria Nautica riproducibili tramite link attivo

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione