Speciale Usato – Come evitare le fregature, parla il perito Andrea Bugari

Alcuni consigli dal perito e ingegnere navale Andrea Bugari, per evitare di prendere una fregatura nella scelta della barca sul mercato dell'usato

23 gennaio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

perizia valutativa_usato barcheI mesi invernali spesso sono ideali per potere fare un buon affare sul mercato dell’usato, ma come fare a orientarsi per mettere a segno l’acquisto giusto e non incappare in una fregatura? Se non si posseggono le competenze tecniche necessarie alla giusta valutazione di un usato, il rischio è quello di prendere una barca che nasconde dei difetti. Se non siete degli esperti la soluzione migliore è quella di fare compiere una perizia valutativa: proprio per questo motivo abbiamo sentito l’ingegnere Andrea Bugari, perito nautico con lunga esperienza nel settore, che ci chiarirà quali siano i passaggi fondamentali per la valutazione di una barca.

 

Andrea BugariLN: Quali competenze tecniche deve possedere un perito di alto livello?

Oltre a qualifiche professionali, come essere ingegneri navali, le competenze tecniche sono dettate dall’esperienza ed è questa che ci qualifica in modo particolare, avendo avuto il cantiere navale per molti anni, abbiamo senz’altro quel quid in più. La nostra esperienza spazia sia su imbarcazione e navi da diporto in acciaio, che in alluminio, che in vetroresina; inoltre conosciamo tutta l’impiantistica di bordo e le norme che le regolano. Esperienza su come si governa e come si naviga a bordo, incluso l’elettronica.

 

LN: Quali sono i parametri di valutazione di una perizia?

Si inizia dalle due componenti fondamentali e cioè lo scafo e i motori; lo scafo con tutte le sue parti strutturali sia interne che esterne, fondamentali gli spessori delle lamiere (controllato con apposito strumento) per gli scafi in acciaio e alluminio e fondamentali eventuali delaminazioni e osmosi su yacht in vetroresina e composito (anche queste controllate con apposito strumento). Si scende poi agli organi di governo e agli impianti, per poi valutare gli arredi, i bagni e tutta la componentistica di bordo. Controlliamo anche tutta la documentazione di bordo se in regola con le norme vigenti

 

LN: Quali sono le parti nevralgiche di un’imbarcazione che devono essere assolutamente controllate?

Scafo, motori, impianti, elettronica, organi di governo, accessori di coperta e documentazione

 

LN: Come cambia il lavoro del perito sulle diverse tipologie di barca su cui lavora? (es: barca a vela o a motore, in vetroresina, in metallo o in legno

Ovviamente dal controllo sul materiale di costruzione e conoscendone, tramite esperienze, tutte le debolezze, quindi si va ad ispezionare ad esempio su di una scafo in metallo tracce di ossido, in una barca in legno zone di legno marcio e nella vetroresina de laminazione e osmosi

 

LN: Come viene quantificata infine la stima economica?

A pesare in particolar modo sulla valutazione finale della barca saranno le condizioni dei motori e in particolare le loro ore di moto. L’usura generale della barca è importante ma ancor di più lo è in particolare lo stato in cui si trova lo scafo. Prima di stabilire il valore finale si guarda anche alle quotazioni media sul mercato per quel determinato modello.

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione