Tassa barca, ecco come bisogna pagare

Ancora non esiste comunicazione ufficiale da parte dell'Agenzia delle Entrate, ma per analogia con gli aeromobili la tassa barca bisognerà pagarla utilizzando i moduli F24

25 Aprile 2012 | di Redazione Liguria Nautica

Negli ultimi giorni è boom di richieste di chiarimento sulle modalità di pagamento della cosiddetta “tassa barca”. Cerchiamo, a una settimana dall’entrata in vigore dell’imposta, di far luce sulle operazioni che, comunque, non sono ancora state ufficializzate dall’Agenzia delle Entrate.

 

La base è il modulo F24 – Procedendo per analogia, l’imposta sugli aeromobili rientra nella stessa legge di tassazione delle barche da diporto (n. 214 del 22/12/2011): non vi sono motivi per pensare che le modalità di pagamento avverranno diversamente per la nautica. Il modulo F24 dovrebbe rimanere quindi la base per il pagamento della tassa, anche in forma elettronica: compilando l’F24 Versamenti con Elementi Identificativi (a questi indirizzi il modello e le avvertenze di compilazione), si dovrà attendere che siano pubblicati i codici tributo. Ce ne saranno uno per il pagamento dell’imposta, uno per le sanzioni e il ravvedimento e uno per gli interessi sul ravvedimento.
Scadenze – Per quanto riguarda le scadenze, la tassa entra in vigore il 1° maggio, ma così come avviene, per esempio, per il bollo auto o il canone Tv, c’è sempre almeno un mese di tempo per il pagamento senza sanzioni.

 

Di seguito trovate le indicazioni estratte dalla Risoluzione n. 11/2012 dell’Agenzia delle Entrate, per la compilazione del modulo F24 relative agli aeromobili, che noi abbiamo adattato alle barche da diporto:

 

In sede di compilazione del modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”
sono indicati:
– nella sezione “CONTRIBUENTE” i dati anagrafici e il codice fiscale del soggetto
versante;
– nella sezione “ERARIO ED ALTRO” in corrispondenza degli “importi a debito
versati”:
– il campo “tipo” è valorizzato con la lettera “…” (da definire);
– il campo “elementi identificativi” è valorizzato con le marche di nazionalità e di
immatricolazione, identificative dell’imbarcazione;
– il campo “codice” è valorizzato con il codice tributo (da definire);
– il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno cui si riferisce il
versamento.

 

PUO’ INTERESSARTI ANCHE:

 

TUTTO SULLA TASSA BARCA

 

TASSA BARCA, I COSTI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione