Tassa sulle imbarcazioni, ecco la bozza definitiva. La tabella dei costi

Ci sarà la "mazzata", ma meno forte di quanto temuto. Tutti i costi nel dettaglio e cosa c'è da sapere

6 dicembre 2011 | di Redazione Liguria Nautica

La mazzata sulla nautica arriverà, d’accordo, ma a quanto si legge nella bozza definitiva di Manovra approvata dal governo Monti, dovrebbe essere meno peggio di quanto vi avevamo anticipato. I “tecnici”, nella stesura definitiva, pare che abbiano inserito alcuni importanti criteri, come la vecchiaia dell’imbarcazione, la cui non considerazione sarebbe andata ad incidere pesantemente sull’equità dell’imposta, e la differenza tra imbarcazioni a motore e a vela (-50%). Guardate la tabella seguente, che calcola gli importi annuali sulla base della tassa giornaliera:

 

Lunghezza scafo(VELA  -50%) Tassa giornaliera(in Euro) Età Barca 0-5 anni Età Barca 5-10 anni(-15%) Età Barca 10-15 anni(-30%) Età Barca +15 anni(-45%)
10,01-12 m

5

912,5

775,75

638,75

501,87

12,01-14 m

8

1.460

1.241

1.022

803

14,01-17 m

10

1.825

1.551,25

1.277,5

1.003,75

17,01-24 m

30

5.475

4.653,75

3.827,5

3.011,25

24,01-34 m

90

16.425

13.961,25

11.497,5

9.033,75

34,01-44 m

207

37.777,5

32.114,87

26.444,25

20.777,62

44,01-54 m

372

67.890

57.706,5

47.253

30.482,61

54,01-64 m

521

95.082,5

80.820,12

66.583

52.295,5

Oltre 64 m

703

128.297,5

109.052,87

89.809,75

70.563,62

           
Lunghezza scafo (MOTORE) Tassa giornaliera(in Euro) Età Barca 0-5 anni Età Barca 5-10 anni(-15%) Età Barca 10-15 anni(-30%) Età Barca +15 anni (-45%)
10,01-12 m

5

1.825

1.551,5

1.277,5

1.003,75

12,01-14 m

8

2.920

2.482

2.044

1.606

14,01-17 m

10

3.650

3.102,5

2.555

2.007,5

17,01-24 m

30

10.950

9.307,5

7.665

6.022,5

24,01-34 m

90

32.850

27.922,5

22.995

18.067,5

34,01-44 m

207

75.555

64.221,75

52.888,5

41.555,25

44,01-54 m

372

135.780

115.413

95.046

60.965,22

54,01-64 m

521

190.165

161.640,25

133.116

104.591

Oltre 64 m

703

256.595

218.105,75

179.619,5

141.127,25

 

Cosa c’è da sapere: la tassa entrerà in vigore dal 1 maggio 2012, e le barche a vela pagheranno il 50% in meno rispetto a quelle a motore. Sarà applicata a tutte le imbarcazioni che navigano, sono ormeggiate o ancorate in acque o porti marittimi nazionali. Come vedete sono praticati sconti in base all’età dello scafo che vanno dal 15% al 45%: ad occhio, questo potrebbe determinare una maggiore domanda sul mercato dell’usato. Per quanto riguarda il rimessaggio, nei giorni di effettiva permanenza, o se la barca si trova in area di rimessaggio, non pagherà la gabella. Brutta notizia per coloro che hanno acquistato la barca in leasing: dovranno pagare lo stesso la tassa. La ricevuta di pagamento andrà esibita all’agenzia della Dogane o al distributore del carburante. Qualora ci si dimenticasse di pagarla, si andrebbe incontro ad una sanzione dal 200% al 300% dell’importo non versato oltre all’importo della tassa.

 

Eugenio Ruocco

Potrebbe interessarti anche

Rispondi a stefania Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 commenti

  1. giancarlo ha detto:

    cara stefania prima di aprir bocca conta fino a 100 e nel frattempo documentati,spero tu sia almeno bella se no è un disastro completo ciao

  2. Roby ha detto:

    Cari amici, non voglio dire nulla a riguardo della tassa, faccio notare solamente alcune discrepanze e prima di criticarmi, offendermi o altro, riflettete e siate sinceri con voi stessi (ps: Stefania, colllega il cervello alla ragione e ho detto tutto)
    1 realizzazione nuove tendalino, € 2000 + IVA o 1600
    2 alaggio varo antivegetativa, € 900 + IVA o 700
    3 lucidatura € 400 + IVA o 300
    4 tagliando motori, € 800 + IVA o 650
    Questi sono solo alcuni esempi del mercato, due calcoli? Per una barca di 10 metri e 10 anni, nell’esempio ci sono: 820 € di evasione IVA, 1800 € di evasione IRPEF e circa 800 € di evasione INPS.
    Ora provate (e ci sono oltre 70000 barche sopra i 12 metri con costi ben piu elevati) a Moltiplicare per centomila tutti i risultati e il gioco é fatto. Io ho una piccola barca ed avrei preferito che si indagasse sulle proprietà delle imbarcazioni piu che punire chi le possiede.

  3. Alessandro ha detto:

    Posseggo una barca a motore, prescindendo dall’idiozia del decreto, gradirei sapere: se una imbarcazione da diporto battente bandiera italiana, naviga per soli due giorni in acque italiane e per i rimanenti 363 giorni staziona all’estero dovrà corrispondere la tassa per soli due giorni oppure cosa?

  4. rossella ha detto:

    ciao sono Rossella e nel mio ufficio ho un quadretto che mi è stato regalato circa 15 anni fa da un broker e dice:
    POSSEDERE UNA BARCA:
    IN iNGHILTERRA E’ UNA TRADIZIONE,
    IN FRANCIA UN LUSSO
    E IN ITALIA………..UN REATO
    a VOI OGNI TIPO DI COMMENTO

  5. Giorgio ha detto:

    Vorrei sapere per le barche a motore entro i 9 mt quale tassa si pagherà ?
    Grazie per la risposta…..

  6. Luigi Panella ha detto:

    Sono prprietario di una pilotina di 10 metri Motomar di 32 anni di vita,son o un pensionato di 73 anni che ha lavorato come dipendete per 45 anni,la barca per me e’ una scelta e una cultura di vita. Vi assicuro che faccio vita di bordo,semplice assolutamente senza lusso,poca navigazione per l’alto costo del carburante….ora non so come faro’ a tenerla…ho fatto tanti sacrifici,non e’ giusto,ho sempre pagato tutto e anche piu’ del dovuto….certamente non sono colpevole delle malefatte e della incapacita’ di amministrare dei nostri superpagati politici.LUIGI

  7. Enrico ha detto:

    X stefania…sei una poveraccia, classica mentalità da italiota dogmatizzata: barca=ricco=evasore.
    Ed ora parliamo tra possessori di intelletto: come al solito questi imbecilli che legiferano non capendoci un c***o di nautica hanno sparato sul mucchio.
    Trattandosi di tassa sul lusso, questi coglioni mi devono spiegare perchè la tassazione non segue il reale valore di mercato del bene (l’imbarcazione). Come per il bollo auto, l’essere ricchi ossia facoltosi possessori di vetture coincide con i cavalli motore (oppure KW)…peccato che una porsche di 10 o 15 anni valga quanto una berlina-media nuova oppure un decimo di una Bentley nuova con pari potenza…Idem per le imbarcazioni o ancora peggio.
    Eppure basterebbe rapportare la tassa con il controvalore assicurato o se non assicurato, consultare le apposite tabelle che hanno tutte le compagnie assicurative… o perlomeno introdurre degli scaglioni di vutustà…

  8. marco ha detto:

    Salve,vorrei ricordare( come leggo in quasi tutte le risposte l amore per il mare)
    che vorrà dire che amerete il mare con una 9 metri da oggi in poi……..
    se non volete pagare altrimenti come scrive stefania
    Pagate e basta Come disse il dott. Monti e finito lo ZUCCHERO per il caffè……….
    Da oggi AMARO……

  9. fabio ha detto:

    dai voglio delle idee (salva nautica)

  10. fabio ha detto:

    povera nautica speriamo che esce qualche idea per salvarla si accettano idea perfino da Stefania

  11. Giovanna Caprini ha detto:

    Certo Stefania che sei proprio una grande ignorante! Prima di sentenziare informati su quanto costa un bel camper (con tutto il rispetto per i camper sia chiaro) e quanto costa una barca di 10,05 metri vecchia di 30 anni di un pensionato il cui unico hobby nella vita è il mare. E, cara Stefania, hai pensato a chi con la barca ci lavora e già lavorava poco -visti i tempi che corrono- e ora lavorerà ancora meno e in più deve pagare una tassa iniqua? Inoltre, sempre cara Stefania dai tu da mangiare e mantieni le famiglie di quelli che perderanno il posto di lavoro a causa della morte della nautica?! Amen

  12. GIACARLO ha detto:

    CON GRANDE RAMMARICO DEVO CONSTATARE CHE QUESTO NUOVO GOVERNO DI TECNICI NON HA CAPITO NIENTE SU COME RILANCIARE L’ECONOMIA. INFATTI CHI, PER AMORE DELL’ANDAR PER MARE, POSSIEDE UN’IMBARCAZIONE DI OLTRE DIECI METRI E DI OLTRE TRENTA ANNI E CHE QUINDI GIA’ COMPORTA CONSIDEREVOLI SPESE DI MANUTENZIONE, VEDENDOSILETTERALMENTE RAPINATO IN QUESTO MODO, PROBABILMENTE LA TRASFERISCE SU UN PORTO ESTERO VICINO O LA ROTTAMA E SICURAMENTE LA NAZIONE NON TRAE NESSUN BENEFICIO, ANZI SICURAMENTE PERDERA’ MOLTO IN TERMINI OCCUPAZIONALI ( IMPOSTE PAGATE DAGLI OCCUPATI NEL SETTORE NAUTICO) CHE IN TERMINI DI IVA IMPOSTA SUI BENI CORRELATI E PROBABILMENTE E PARADOSSALMENTE E’ POSSIBILE CHE L’IMPS POSSA TROVARSI A DOVER EROGARE PARECCHIE INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE O CASSA INTEGRAZIONE. CHI TROPPO VUOLE NULLA STRINGE…………..

  13. velista ha detto:

    per stefania l’invidia è sempre stata una brutta bestia ………..tu ne sei l’esempio lampante di tanta gente ignorante che credono che possedere una barca è per forza un riccone…………quando uno ha la passione si priva di tante cose per poter ottenere la sola ed unica cosa che gli piace mentre altri si mantengono casa in città / al mare / e chissà pure in montagna….

  14. fortuna ha detto:

    qui al nordest son tutti a prenotare i posti in croazia.
    Tra ieri ed oggi migliaia di richieste. Ma dove andremo a finire?
    Le barche più belle se ne andranno, le darsene rimarranno vuote, i rimessaggi che già sono in crisi chiuderanno i battenti ed il personale verrà licenziato.

    Ma che casino stanno facendo?????

  15. Alessandro ha detto:

    PER STEFANIA: Ma la conosci la differenza fra una barca a vela lunga 10,50 m (che paga la tassa) in legno che ha 27 anni e vale 5000 euro e un gommone di 9,90 m con 800 cavalli che vale 150.000 euro e non paga la tassa? Prima di accanirti contro la gente che va per mare la prossima volta cerca di documentarti onde evitare magre figure che sicuramente non faresti parlando di detersivi per piatti.

  16. Franzele ha detto:

    Come sempre gli italianucci fanno leva sull, invidia.Lapassione x il mare una vita di sacrifici x la barca dei sogni usata anche l’inverno viene considerata un lusso.I mafiosi xxxxxx però girano indisturbati!!

  17. stefania ha detto:

    e finalmente pagate……!!!!! se potete permettervi la barchetta potete pagare….e pagate!!!!! Basta lamentarvi…..

  18. mauro ha detto:

    Per essere equi avrebbero dovuto tener conto della effettiva navigazione e non del stazionamento. E poi perchè massacrare ancor di piu i motoristi già massacrati dal costo del carburante.
    Ma credo che qui non si possa parlare di equità ma di contribuzione

  19. Arcangelo Colucci ha detto:

    Ma che schifezza è? perchè l’infelice possessore di barca a motore di 10,60 mt di 20 anni, comprata usata 4 anni fa, ripristinata a prezzo di sacrifici di denaro e tempo proprio per pura passione del mare, accollandosi un finanziamento e destinandola a campeggio nautico per la propria famiglia, deve pagare il doppio di un possessore di barca a vela. Se la tassazione è sullo stazionamento trovo ingiusta la suddivisione tra vela e motore.
    Ma perchè questi burocrati di merda devono sempre suddividere la popolazione tra chi la scampa (al 50%) e chi si accolla la tassazione intera?

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione