Titoli marittimi: UCINA incontra il MIT

Una delegazione di UCINA è stata ricevuta dalla direzione del trasporto marittimo del MIT per risolvere il contenzioso inerente i titoli marittimi

26 Aprile 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Il Salone Nautico di Genova
Novità in arrivo per i diportisti italiani

Una delegazione di UCINA Confindustria Nautica ha incontrato Enrico Pujia, direttore generale del trasporto marittimo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per presentare alcune proposte inerenti soprattutto il corso direttivo previsto dall’amministrazione per chiudere l’ispezione dell’Emsa, European Maritime Safety Agency, incentrata su alcune carenze dei programmi scolastici degli Istituti nautici italiani.

La questione è stata finora affrontata con i sindacati confederali, concentrandosi sul personale del naviglio mercantile ma la componente del diporto commerciale vede impegnati anche numerosi comandanti e ufficiali.

“Questi uomini e donne –ha spiegato la presidente di UCINA Confindustria Nautica, Carla Demaria- sono una risorsa importantissima per tutta la nostra filiera. Un comandante e un equipaggio italiano si legano strettamente alla presenza in Italia come porto base e alla scelta di un cantiere italiano per il refitting, con un valore economico in termini di indotto che è concretamente misurabile. Non possiamo mortificare queste professionalità, rimandandole a scuola dopo anni, se non decenni, che esercitano la loro professione”.

Per risolvere il contenzioso UCINA ha presentato un documento articolato in cinque punti che prevede la semplificazione delle procedure, l’eliminazione della necessità di corsi obbligatori e l’organizzazione di un esame a quiz con domande estratte da una banca dati pubblica, almeno per i marittimi che già possiedono un titolo professionale.

Abbiamo ascoltato con molta attenzione le proposte ricevute da UCINA -ha commentato il D.G. Enrico Pujia a termine dell’incontro- che saranno oggetto di un’immediata valutazione. Apprezziamo particolarmente modalità e contenuti con le quali sono state presentate, si tratta di soluzioni che valuteremo insieme al Comando Generale delle CP per trovare una possibile soluzione al problema che vede l’amministrazione impegnata al massimo per sostenere i marittimi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione