Trivelle: i rischi del piano croato

"Un'operazione che minaccia il turismo e la pesca italiana e mette a rischio il patrimonio naturale di 112 aree protette", questo il parere dei comitati ambientalisti

29 Aprile 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Trivelle: Greenpeace in Adriatico,protesta contro Rospo Mare

“Un’operazione che, viste le correnti dominanti da Est a Ovest, minaccia il turismo e la pesca italiani e mette a rischio il patrimonio naturale di 112 aree protette dalle norme italiane e comunitarie”. Così le associazioni e i comitati ambientalisti del coordinamento ‘No Petrolio – Si Parco’ definiscono il Piano del Governo croato per la ricerca e la produzione di idrocarburi offshore in Adriatico. Sul tema trivellazioni abbiamo già in passato trattato il Piano dello Sblocca Italia.

 

Nel corso di una conferenza stampa a Pescara, città scelta non a caso perché “l’Abruzzo è oggi al centro della mobilitazione di massa nel versante adriatico italiano contro gli appetiti dei petrolieri”, Wwf, Legambiente, Fai, Italia Nostra, Lipu, Arci e Marevivo sottolineano che “ci sono voluti sei mesi dall’inizio della Vas perché l’Italia e la Croazia si mettessero d’accordo per fare una valutazione transfrontaliera, come chiede l’Europa, sul Piano-Programma di ricerca di idrocarburi in Mare Adriatico preparato dal Governo della Croazia. Un Piano – dicono – che riguarda ben 29 zone (distribuite in un’area di circa 37 mila kmq) dove fare ricerca e trivellazioni”.

 

Sottolineando che “la documentazione depositata non risponde a quanto richiesto dalla Direttiva Vas, ma nemmeno agli obblighi derivanti dalla Direttiva Habitat che chiede la Valutazione di incidenza a tutela della Rete Natura 2000”, il coordinamento ‘No Petrolio – Si Parco’ afferma che “a rischio sono le attività economiche fondamentali per lo sviluppo della costa adriatica italiana quali il turismo e la pesca”. Tra le 112 aree protette interessate, sottolineano associazioni e comitati, ci sono “sei aree marine protette, un parco nazionale (quello del Gargano), dieci parchi regionali, 31 riserve naturali statali e regionali e 65 siti della Rete Natura 2000 distribuiti nella fascia costiera e nelle acque territoriali italiane”.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione