Una cantina in fondo al mare, nuovo esperimento in Francia

Vini rossi, bianchi e rosé, in tutto centoventi bottiglie, conservati in fondo al mare. L'esito di questa sperimentazione tra il 2016 e il 2017

26 Agosto 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Una cantina in fondo al mare può essere sinonimo di vino di alta qualità? E’ la domanda a cui proverà a rispondere la particolare sperimentazione scientifica enologica avviata in Francia, dove – in una località della Costa Azzurra, al largo di Saint Mandrier- sono state immerse 120 bottiglie di vino del Badol, una terra di grandi vitigni. La selezione sommersa, parliamo in tutto di 15 diverse etichette, resterà sott’acqua per 18 mesi e il prezioso contenuto potrà essere degustato (e studiato) solo tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, un esperimento davvero interessante che potrebbe aprire spiragli molto interessanti in ambito vinicolo.

Il punto preciso in cui ‘riposano’ le bottiglie – presenti vini rossi, bianchi e rosé – è ovviamente segreto. Una squadra di sub ha depositato il vino in speciali portabottiglie ancorati alla sabbia a 40 metri di profondità. E’ stato scelto un luogo ideale, dove ci fosse una temperatura costante, e una luce praticamente assente per una condizione di buio completo, una zona, banale dirlo, ovviamente umida. Le condizioni ideali per conservare questo Badol in questa improvvisata cantina in fondo al mare.

Restano da verificare gli effetti sul gusto di tutti i fattori del particolare ambiente, molti i punti di domanda per questa sperimentazione davvero innovativa. Altri tentativi simili erano già stati fatti in passato, ma mai erano stati proiettati su un periodo così lungo. Siamo curiosi anche noi, impazienti di poter brindare alla buona riuscita di questa operazione.

Foto: www.siciliainformazioni.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Viaggi

Speciale Marine in Costa Azzurra: Port Vauban. FOTO

  • 22 Aprile 2015

Port Vauban si distingue rispetto alle altre marine per un rigore e un'efficienza quasi militaresca. Controlli capillari e personale qualificato rendono questa struttura un modello di efficienza da perseguire

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione