Usa: comprano la barca su Ebay e rischiano la vita

Un progetto ambizioso e un pò folle per una padre e un figlio australiani che dopo aver acquistato una barca a vela online negli Stati Uniti cercano di raggiungere l'Australia ma vengono spazzati via da una bufera di vento gelido a poche miglia dalla partenza

17 Febbraio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

naufragio_usaC’è voluto l’intervento della Guardia Costiera di Boston per salvare la vita ai due naufraghi che a 120 miglia al largo delle coste del Massachusetts negli Stati Uniti hanno perso il controllo della propria barca a vela. La vicenda di Reg e Jason McGlashan, un padre e un figlio australiani di 65 e 38 anni, è davvero singolare. I due erano partiti dalla terra dei canguri alla volta degli Usa, e precisamente a Rhode Island, per ritirare una barca a vela acquistata online tramite il celebre portale Ebay. Ma la mente dei McGlashan conteneva un progetto ben più ambizioso e per certi versi folle. Da novelli “Ulisse” della Divina Commedia Reg e Jason, acquistata la barca, il Sedona, mollano gli ormeggi e partono alla volta dell’Australia: 8 mila miglia circa, dalla East Coast americana alla propria città di Port Macquaire.

 

Davvero impegnativo anche per i più esperti velisti. Basta infatti una bufera di vento e neve a qualche miglio dalla partenza per abbattere il Sedona. Sono attimi di panico ma i McGlashan non si danno per vinti e lanciano i soccorsi via radio. La chiamata viene fortunatamente intercettata dalla Us Coast Guard di Boston che nel cuore della notte intervengono con un elicottero (foto Herald Sun). Le operazioni sono tanto difficili quanto spettacolari (vedi video) a causa del forte vento gelido e la temperatura atmosferica che si attesta intorno a 1 grado. Tutto fortunatamente finisce per il meglio. I due rinfocillati e rimessi in sesto a bordo dell’elicottero non hanno riportato ferite o particolari pericoli alla salute ma solo la consapevolezza che un progetto a dir poco eccessivo poteva costare la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

4 commenti

  1. Marino ha detto:

    complimenti, abbandonare una barca in condizione di navigare,
    e il comandante chi era, che doveva abbandonare per ultimo, il figlio??

  2. Claudio ha detto:

    Si vero . I soccorritori hanno rischiato grosso .,l’albero della barca e molto molto pericoloso. Inoltre abbandonando l’imparcazione la stessa e un vero pericolo in mare sino a che venga recuperata (ammesso che venga recuperata)

  3. Corradino Corbò ha detto:

    Un puro caso di panico, visto che la barca – come in molti casi del genere – è rimasta sempre in perfetto galleggiamento.

  4. tealdo ha detto:

    La mamma degli idioti è sempre inconta. Tra l’altro anche i soccorritori hanno rischiato grosso

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione