Le immagini shock dal ventre del Concordia: l’eccezionale reportage di Jonathan Danko Kielkowski

Un reportage eccezionale che è diventato un libro, per la prima volta entriamo nel ventre devastato del Concordia dove le pareti gridano paura

25 gennaio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Nessun reporter aveva osato tanto, ma il pezzo di giornalismo d’assalto realizzato dal fotografo Jonathan Danko Kielkowski – che è finito in un libro – è semplicemente unico. In Italia il primo media a riprendere la notizia e a pubblicare le foto con le dichiarazioni del reporter è stato Dagospia. Nel frattempo il nostro articolo di approfondimento sul processo ai responsabili del naufraggio fa il boom di commenti tra i nostri lettori.

Mai nessuno, a parte i tecnici e chi ha lavorato al recupero, era entrato nel ventre del Concordia. Un ventre spettrale, dove il tempo si è fermato in quella tragica notte del 13 gennaio: sembra quasi di sentire ancora il tintinnio dei bicchieri, il chiacchericcio dei saloni e la musica in sottofondo, ma le immagini che ci ripropone questo reportage eccezionale hanno anche il rumore della paura. Le grida, la calca dei passegeri, la disperazione di quei momenti concitati, è la prima volta che il mondo può rivivere quei momenti attraverso le immagini di ciò che resta.

Le foto di Jonathan Danko Kielkowski stanno facendo il giro del mondo e appare quanto meno strano il fatto che in Italia siano una manciata di siti di informazione ad avere dato la notizia e non i media main stream.

Il fotografo ha tentato due volte di salire a bordo: la prima volta è stato catturato dalla Guardia Costiera, la seconda ha giocato la carta estrema. Attraversare a nuoto gli ultimi metri prima della postazione del Concordia per evitare di essere visto. L’impresa di Kielkowski è datata 30 agosto 2014, ma la notizia è arrivata solo in occasione della pubblicazione di un libro dedicato.

Argomenti:

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 commenti

  1. Claudio ha detto:

    Sì, è stato giusto documentare fotograficamente i resti del disastro che, ricordiamolo bene, è stato causato da superficialità nello svolgimento del dovere da parte di chi aveva la responsabilità di migliaia di persone.

  2. marco ortona ha detto:

    Non capisco il commento di Massimo che dà dello sciacallo e del demente al fotografo. A mio avviso, con lo spirito di un esploratore, ha voluto lasciare documentazione a futura memoria anche quale monito perché la superficialità di alcuni non debba più creare vittime e danni di portata che dire incalcolabile è minimizzare

  3. Massimo ha detto:

    Uno sciacallo…anche un po’ perverso se gode nel visitare e fotografare il teatro di una tragedia simile. Non andrebbe pubblicizzato tanto meno comprato il libro di un demente del genere.

  4. renato ha detto:

    …viene paura solo a vedere le foto…

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione