Viaggio negli abissi della Concordia

L'ispezione degli angoli sommersi della Costa Concordia ha regalato agli occhi dei vigili del fuoco uno spettacolo degno dei migliori horror

31 luglio 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Dopo l’arrivo domenica scorsa della Costa Concordia a Genova è tempo dei primi sopralluoghi per pianificare le successive operazioni che porteranno alla sua definitiva demolizione. C’è infatti da ispezionare ancora i ponti due e tre che sono rimasti inesplorati dopo il rigalleggiamento definitivo e verificare le condizione complessive della struttura. Per questo sono state individuate due squadre dei vigili del fuoco che si sono calati in queste ore nel ventre “perduto” della Concordia. Lo spettacolo offerto agli occhi degli uomini agli ordini vicecomandante Emanuele Gissi sembra frutto del genio macabro di un Edgar Allan Poe o di uno Stephen King. Sembra. Perché è la cruda realtà. Il ponte due (dove c’erano le cabine low cost, le mense per il personale e i magazzini delle derrate alimentari) è ancora infatti semi-sommerso. Melma e fango invadono ogni centimetro mentre tessuti, corde, gomene e le scorte alimentari fuoriuscite dai frigoriferi sembrano le carcasse sbranate nel deserto dove i pesci hanno fatto la parte degli sciacalli e degli avvoltoi.

 

Migliaia di anguille nere sgusciano e brulicano negli anfratti sommersi ancora dalle acque torbide. Centinai di frigoriferi sono rimasti sigillati e aspettano solo che i vigili del fuoco muniti addirittura di tute anti-batteriologiche li schiudano. Uno scenario orrendo, apocalittico, ai limiti della fantascienza. Lo stesso vicecomandante Gissi ha voluto così commentare: “Tanta tristezza. Ci sono angoli che ancora richiamano la gioia di vivere e il divertimento, e altri completamente devastati. Chi ha visto il film Titanic può rendersi conto.” Intanto nei prossimi giorni avverrà lo stripping ovvero la rimozione di tutto ciò che non è metallo, quindi fuori arredi, vetri, strumenti nautici, bottiglie e quant’altro. Potete seguire 24 ore su 24 la Concordia sulla diga foranea del porto di Voltri grazie alla nostra Webcam.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Costa Concordia: rimossa la prima piattaforma

  • 28 luglio 2015

E' stata rimossa la prima delle sei piattaforme utilizzate per appoggiare la Costa Concordia. Sono state usate per facilitare la rotazione dell'imbarcazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti

  1. Marcello ha detto:

    confermo quanto già detto sopra: l’idea della cam è buona ma il risultato pessimo.

  2. Daniele ha detto:

    Si infatti ha una qualità pessima,sarebbe il caso di sistemarla…saluti

  3. mari ha detto:

    dalla vostra Webcam sulla diga foranea del porto di Voltri non si vede quasi nulla e sono già diverse volte che provo a guardare. Non sarebbe il caso di migliorare la qualità delle immagini???

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione