VIDEO on board sull'X-35, siamo andati a provare la scuderia Blue Project

Ai Campionati Italiani d'Altura con ReadyXsea di Blue Project, la società di charter che si ispira all'automobilismo, come ci ha raccontato Michele Rayneri

24 luglio 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Non è semplice in Italia, e in particolar modo nell’alto Tirreno, trovare una società di charter che metta a disposizione barche da regata pura per equipaggi che intendono cimentarsi in gara con un vero racer. Non barche da crociera adattate a regatare, come molti charter già fanno, ma mezzi espressamente concepiti per le gare e attrezzati per competere.

 

Siamo andati quindi a Loano, per dare un’occhiata più da vicino alla flotta di Blue Project, una società che ha invece sposato la filosofia delle barche da regata e ha attualmente a disposizione una flotta di ben nove J80, tre X35, un Xp33 e un Grand Soleil 40.

 

L’occasione è stata quella dei Campionati Italiani Assoluti Vela d’Altura di Marina di Loano, la barca scelta è stata l’X35 ReadyXsea, armata per l’occasione da Luca Angelini e condotta da un equipaggio di 9 persone. Di seguito alcune delle immagini girate on board e sotto il video la nostra intervista a Michele Rayneri:

 

 

Abbiamo poi sentito Michele Rayneri, alla guida di Blue Project, per capire meglio quali ragioni lo hanno spinto a creare non una società di charter qualsiasi, ma una espressamente dedicata al mondo delle regate.

 

Da dove nasce l’idea di una società di charter solo per la regata?

L’idea di fondare Blue Project, una società di charter nautico completamente dedicata al settore regate, nasce dalla mia passione per le regate veliche e dalla mia lunga esperienza personale nel mondo delle corse automobilistiche.   Analizzando il mercato del charter nautico mi sono accorto che non esistevano società in grado di  fornire barche a vela per partecipare alle regate come avevo in mente io,  cioè barche a vela preparate, gestite e curate nei minimi particolari come se “la barca fosse proprio la tua”.  
Nei miei progetti futuri c’è anche il desiderio di creare un piccolo team, una scuderia, di  2 o 3 barche  con tanto di  hospitality per portare sponsor ed ospiti ad assistere alla regate in mare,  proprio come si fa nell’automobilismo.

 

L’ultima arrivata in casa Blue Project è l’Xp33 (condotto sapientemente in acqua ai Campionati Italiani da Anne Soizic Bertin al timone e Tiziano Nava alla tattica), perché avete scelto questa barca?

 

L’ XP33 è nato da un idea di co-marketing con X-Italia, cui siamo legati da tempo da una sorta di collaborazione oltre che da un buon rapporto di amicizia,
X-Italia desiderava una barca che regatasse nel Mediterraneo  e a Blue Project interessava questa novità. Così abbiamo sviluppato il progetto  Xp33 XBlueOne con l’intento di creare una barca competitiva ma di dimensioni medio-piccole. Noi avevamo inoltre  il timoniere giusto, l’eccezionale campionessa di Match Race Anne-Sociz Bertin che fa parte dello staff Blue Project

 

Quali sono i servizi che Blue Project offre ai suoi clienti?

 

I servizi Blue Project sono a 360°: preparazione e logistica della barca, selezione dell’equipaggio, completamento dell’equipaggio, allenamenti, consulenze tecniche, iscrizione a regate, organizzazione regate e fornitura di servizi accessori a terra a supporto di team, sponsor e clienti, ad esempio prenotazione di hotel, noleggio auto, ecc.

 

Come sta andando la stagione da un punto di vista commerciale?
La stagione al momento sta andando bene,  Lavoriamo soprattutto con clienti stranieri. Abbiamo trasferito da poco la nostra base operativa a Marina di Loano (SV) e siamo quindi certi che ci siano ampi margini di crescita anche con la clientela italiana. Per noi è motivo di grande soddisfazione il fatto che i nostri clienti sono repeater: chi ha provato le nostre barche e la nostra organizzazione, ritorna da Blue Project. Ciò significa che stiamo lavorando bene e nella giusta direzione.

 

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Imbarcazioni: l’estimo navale e il valore dell’usato

  • 22 febbraio 2017

Quando si parla di imbarcazioni e soprattutto del valore dell’usato non è difficile imbattersi in fantasiose tabelle e indicatori che dovrebbero indicare (probabilmente con assoluta certezza) il valore medio di un’unità da mettere in compravendita.

Mercato nautica

Noleggio occasionale, un approfondimento sulla normativa

  • 17 gennaio 2017

In termini fiscali, il noleggio occasionale prevede di applicare la c.d. cedolare secca del 20%, a patto che si rispettino anche dei limiti temporali. Attualmente il limite previsto dalla normativa è pari a 42 giorni all’anno

Mercato nautica

Wine&Sail fa tappa a Marina d’Arechi

  • 13 ottobre 2016

Marina d’Arechi è stata scelta per il secondo anno consecutivo grazie all’offerta unica nel Golfo di Salerno, in termini infrastrutturali, di scenario e di servizi

Viaggi

Vacanze per tutti: 5 consigli e sei pronto per la crociera di fine estate

  • 29 agosto 2016

È possibile salpare per un giorno, una settimana, un mese o più. Insomma, per chi vuole navigare, non ci sono scuse. Neppure quello dei costi ormai è un ostacolo, visto che questo tipo di vacanza può essere anche più economica rispetto alle offerte di villaggi turistici, agriturimo e hotel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione