Dalla Commissione europea stop all’esenzione accise per il noleggio di pleasure yacht

Attualmente in Italia le accise sul carburante non sono dovute nel caso l'unità da diporto sia stata noleggiata

11 Novembre 2020 | di Stefano Comisi

La normativa italiana in materia di accise non è compatibile con la normativa dell’Unione Europea in materia di tassazione dell’energia. E’ quanto sostiene la Commissione europea. A seguito della procedura di infrazione promossa dalla stessa Commissione, della questione è stata investita la Corte di Giustizia con la causa C-341/20.

Attualmente in Europa è prevista l’esenzione delle accise sui carburanti utilizzati per la navigazione a fini commerciali. Tale esenzione non dovrebbe però essere applicabile anche alle unità da diporto (i cosiddetti “pleasure yacht”), imbarcazioni utilizzate per prestazioni di servizio a titolo oneroso.

La normativa fiscale italiana (art. 24 del Testo unico accise), tuttavia, riconosce l’esenzione senza distinguere l’uso commerciale o privato nell’attività del noleggiatore. Attualmente, dunque, le accise sul carburante non sono dovute nel caso in cui l’unità da diporto sia stata noleggiata. La mancanza di una verifica caso per caso della finalità commerciale del noleggiatore, secondo la Commissione europea, costituisce però un’evidente violazione.

Anche la Corte di Cassazione si è già espressa sul punto, affermando che l’uso commerciale delle imbarcazioni da diporto non può essere presunto dal contratto di noleggio, essendo necessario accertare, nel caso concreto, se la navigazione da parte dell’utilizzatore implichi o meno una prestazione di servizi a titolo oneroso (Cass. n. 23226/2020).

La questione appare poco chiara e sarà la Corte di Giustizia a dover definire correttamente cosa si intenda per “natura commerciale” della prestazione, specificando perché tale carattere non possa essere accostato alla prestazione di un noleggio “di piacere”. Occorre evidenziare che se la Corte di Giustizia dovesse accogliere il ricorso della Commissione, l’Italia, oltre a dover adeguare la propria normativa, potrebbe dover riscuotere le accise sui carburanti non percepite negli ultimi cinque anni.

 

Stefano Comisi

Studio Armella & Associati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

Il megayacht “Limoncello” all'asta per 950 mila euro. I retroscena

  • 6 Novembre 2012

Il 37 metri “Limoncello”, riconducibile all'ex ambasciatore USA in Danimarca Edward Nelson, accusato di contrabbando, truffa ai danni dello Stato e evasione delle accise, sarà messo all'asta su una base di 950 mila euro. Attualmente lo yacht è alla Marina di Sestri Ponente

Mercato nautica

Dissequestrato il mega yacht "Villa sul Mare"

  • 24 Febbraio 2012

Nel decreto della Procura della Repubblica, firmato dal sostituto procuratore Marco Zocco, si legge che il sequestro dello yacht di proprietà della Royal Yacht srl ''non può essere convalidato difettandone i requisiti di legge''

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione