Capricia si rifà il “trucco” a La Spezia e torna a mostrare le proprie bellezze

Varata nel 1963 nei cantieri svedesi Bengt-Plym, l'ex storica imbarcazione della famiglia Agnelli è stata affidata alle sapienti cure dei maestri del cantiere navale Valdettaro, situato nel borgo marinaro de Le Grazie

21 novembre 2019 | di Maria Cristina Sabatini
Capricia
Capricia

Capricia, splendida barca a vela armata a Yawl tipo Marconi, dopo otto mesi di ricovero al Cantiere Valdettaro, è finalmente pronta a solcare nuovamente i mari. Varata nel 1963 nei cantieri svedesi Bengt-Plym e realizzata su disegno del prestigioso studio Sparkman & Stephens di New York, questa storica imbarcazione è stata progettata per competere nelle regate d’altura secondo la formula RORC (Royal Ocean Racing Club), riuscendo a portare a casa, nello stesso anno del varo, il primo posto in tempo reale nella Regata del Fastnet, nella New York YC Trophy Race e nella Britannia Cup.

Fasciame dello scafo in mogano, struttura in quercia bianca, coperta in teak, alberi in spruce canadese verniciato di bianco ed un filare d’oro 24 carati che lo circonda sopra la linea di galleggiamento, Capricia è stata affidata dalla Marina Militare Italiana, sua attuale proprietaria, alle sapienti cure dei maestri del cantiere navale Valdettaro, situato nel borgo marinaro de Le Grazie, nel golfo di La Spezia.

“Abbiamo operato con un’attività di sverzatura sull’opera morta – spiega Luca Erba, direttore marketing e comunicazione del cantiere spezzino – un intervento mirato sulla coperta a causa delle infiltrazioni. Sono stati posati in totale 56 metri quadrati di teak, con una lunghezza di 6 metri, 15 millimetri di spessore e 50 millimetri di larghezza della doga. Siamo soddisfatti del lavoro che si è completato. L’orgoglio di rivedere in mare un’imbarcazione così prestigiosa è impagabile. Questa è l’attività che il Cantiere Valdettaro porta avanti, una clinica del legno che fa della precisione e della professionalità le proprie carte vincenti”.

Impiegata attualmente come nave scuola per la formazione degli allievi dell’Accademia Navale di Livorno, non tutti sono a conoscenza del suo affascinante passato. L’imbarcazione fu infatti acquistata nel 1971 dalla famiglia Agnelli e modificata negli interni per venire incontro alle esigenze del nuovo armatore, che fece realizzare dallo stesso studio di progettazione anche un bagno con vasca. Dopo vent’anni di onorato servizio tra i nomi, si immagina, del jet set internazionale, la fondazione Agnelli ne fece dono nel 1993 alla Marina Militare Italiana.

 

La scheda tecnica di Capricia

Cantiere: Bengt-Plym (Svezia)

Anno varo: 1963

Lunghezza: 22,5 metri

Larghezza: 5 metri

Progetto: Sparkman & Stephens (New York – USA)

Armo velico: Yawl tipo Marconi

Superficie velica: 254 mq

Motore: General Motors, diesel, 2 tempi

Potenza: 120 KW (160,92 HP) motore originale dell’epoca

Velocità: 6 Kt

Ospiti: 7 in campagna estiva, 5 in attività invernale

 

Maria Cristina Sabatini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. ROBERTO VITALI ha detto:

    Queste sono le vere barche a vela …………………opere d’arte

  2. Franco ha detto:

    Bellissima. Vista nel 72 presso Caprera con G.A. Al timone

  3. Francarla Borello ha detto:

    Quante cose…si apprendono!👏🏼 commento.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione