Coronavirus, ecco le linee guida del MIT per i centri diving e le attività subacquee

Indicazioni per la ripresa delle attività subacquee anche dalla Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica

19 Maggio 2020 | di Gaetano Tappino

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha finalmente fornito le linee guida anche per la gestione dei centri diving e delle attività subacquee sportive-ricreative dopo il lockdown scattato a seguito dell’emergenza Coronavirus.  Altre indicazioni per la ripresa in sicurezza delle attività subacquee professionali sono state pubblicate dal SIMSI, la società italiana di medicina subacquea e iperbarica: un importante lavoro trasmesso a tutti gli organi pubblici competenti e svolto con particolare attenzione alla prevenzione in tutte le fasi dell’attività.

La professionalità e l’esperienza dei conduttori delle barche e dei gommoni diving, che hanno una capienza massima di 12 persone, non sarà limitata alla conduzione e alla conoscenza delle regole dell’immersione ma dovrà ora intervenire anche nella gestione degli spazi a bordo.

In particolare i conduttori dovranno far indossare a tutti la mascherina durante il viaggio, assegnare a ognuno un posto dove posizionare i propri indumenti personali e la mascherina prima dell’immersione, sigillando il tutto in un contenitore che si possa chiudere, e gestire l’ordine di entrata e uscita dall’immersione per dare il tempo ad ogni subacqueo di potersi vestire e svestire a bordo, mantenendo le distanze anche in spazi ristretti.

A questo punto, ogni barca o gommone potrà imbarcare in base alle dimensioni. Rispettando la distanza di un metro, compresa quella dovuta allo skipper, con ogni probabilità si potrà imbarcare poco più del 50% della capienza totale. Sulle barche di questo tipo, infatti, gli spazi sono solitamente molto concentrati e sfruttati al massimo per deporre le zavorre, le pinne, le bombole, le borse o gli appositi contenitori forniti dal centro diving.

Di solito dai gommoni i sub si immergono con un rovesciamento all’indietro, mentre nelle barche, una volta indossata l’attrezzatura, devono recarsi a poppa per saltare in mare. Sarà cura dello skipper dare le indicazioni per far partire i subacquei in successione, iniziando con quelli più vicini alla poppa per non intralciarsi nell’accesso al mare e a coordinare il rientro, facendo salire prima quelli più a prua del battello per evitare la sovrapposizione nella ripresa della postazione.

Seguire tali direttive sarebbe semplice se fossimo su un autobus. In mare, invece, tutto si muove e quindi, oltre a prestare attenzione alla distanza, c’è anche da considerare la necessità di tenersi a punti fissi per mantenere l’equilibrio, punti che tutti possono toccare. Per i subacquei sarà quindi fondamentale rispettare le indicazioni dei centri diving, la cui responsabilità è consentire, anche in queste circostanze, l’esplorazione del magico mondo sommerso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. giuseppe pisciotta ha detto:

    praticamente impossibile, sto pensando di non aprire 🙁

  2. Francesco ha detto:

    Meno male che almeno sott’acqua,con tutta l’attrezzatura,muta,erogatore,e cappuccio,siamo totalmente immuni dal contagio.Anche per questo motivo…meglio sott’acqua!!!!

  3. Massimo Borghi ha detto:

    SIMSI e non SISMI

Potrebbe interessarti anche

Subacquea

10+1 consigli per immersioni sicure

Questi consigli aumentano la sicurezza sott’acqua ma è chiaro che non si sta giocando a carte con gli amici, per cui bisogna fare sempre attenzione

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione