E’ scomparso Pietro Ricci: il mondo della nautica piange la “memoria storica” dei maestri d’ascia

Il suono delle sirene delle imbarcazioni per l'ultimo saluto delle Grazie

31 Marzo 2020 | di Maria Cristina Sabatini

Il mondo della nautica piange Pietro Ricci, tra gli ultimi custodi dell’antica arte dei maestri d’ascia, venuto a mancare pochi giorni fa, all’età di 94 anni. Ligure, classe 1926, Pietro Ricci era simbolo e memoria storica di una tradizione che con  passione tramandava ai giovani che, affascinati, lo ascoltavano.

Tra il profumo del legno c’era nato. L’amore per il mare era una tradizione di famiglia. Il padre  era attrezzatore navale e, fin da bambino, Pietro accompagnava in officina il nonno, maestro d’ascia, nelle lunghe ore di lavoro. La vita lo portò poi ad indossare la divisa dell’aereonautica militare ma, come raccontava nelle sue interviste, il mestiere del maestro d’ascia gli era rimasto impresso nel sangue. Divenne istruttore nella caserma di Cadimare. Insegnò a tanti ragazzi l’arte di un mestiere antico, costruendo modellini di imbarcazioni ma anche di idrovolanti.

Ricci citava spesso Dante. Conosceva a memoria il 21esimo canto dell’Inferno della Divina Commedia. Raccontava di come il sommo poeta giunto a Venezia a metà del 1200 si fosse innamorato, non dei meravigliosi palazzi veneziani, ma del lavoro degli uomini che costruivano le imbarcazioni in Arsenale e di come Dante fosse riuscito in pochi versi a mettere in piedi un cantiere che quasi sembrava di vederlo.

Nella sua casa aveva allestito un museo che sapeva di storia. Più di 2000 attrezzi ai quali, si racconta, era particolarmente legato, perché non erano strumenti freddi ma rappresentavano il sudore e la fatica degli avi, nonni e bisnonni. Non solo singoli oggetti quindi, ma un coacervo di ricordi di immenso valore. Parte di questa memoria storica oggi è conservata e visibile all’interno del Cantiere della Memoria, alle Grazie, spazio espositivo e propositivo voluto dal giornalista e marinaio Corrado Ricci, assieme a Jole Rosa, sua moglie, proprio di fronte al porto antico dove sono ormeggiate le vecchie signore del mare, visitato e raccontato recentemente anche da noi di Liguria Nautica. (Vai alla gallery)

E proprio sulla pagina Facebook del Cantiere della Memoria si sono riversate le molte attestazioni di affetto di chi Pietro l’aveva conosciuto. Tra questi anche lo scrittore e illustratore Pietro Cavanna, che lo ricorda così: “Se ne è andato Pietro Ricci delle Grazie, un piccolo, grande uomo.Grande per quello che ha fatto in vita, a partire dal lavoro sulle navi Exodus, che lui modificava per traportare in Palestina i profughi ebrei, fino al suo museo dei maestri d’ascia, scopo e memoria di una intera esistenza. E piccolo per la sua grande dote, una immensa umiltà, che gli permetteva di essere sempre sé stesso, a prescindere dall’interlocutore”.

Proprio gli abitanti delle Grazie e i tanti che lo hanno amato non hanno potuto stringersi, in questo momento di emergenza, attorno a lui per un ultimo saluto ma hanno deciso comunque di fargli giungere tutto il loro affetto tramite un gesto simbolico, il suono all’unisono delle sirene delle imbarcazioni ormeggiate nel porto antico. E noi vogliamo immaginare Pietro che, con un sorriso, a bordo della nave, rigorosamente con scafo in legno, porge un ultimo saluto prima di salpare dal porto per il suo viaggio più lungo.

Maria Cristina Sabatini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

I Grandi Maestri d'Ascia a Boccadasse

  • 11 Marzo 2015

Manifestazione organizzata dalla Parrocchia di Boccadasse e dall'associazione Storie di Barche per rinverdire una tradizione secolare

Mercato nautica

Sequestrato un mega yacht a vela alla Spezia

  • 10 Aprile 2012

Sequestrato un 28 metri a vela, il “Morning Star”, utilizzato per il charter di base a Le Grazie: battente formalmente bandiera delle Isole Vergini Britanniche, avrebbe infranto le leggi doganali. Si tratta di un Rivolta 90, lussuosa imbarcazione sfornata dai cantieri Rivolta Yachts di Samatosa (Florida), gioiellino da 28 mila euro alla settimana

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione