Prevenire e curare l’osmosi in carena: con Jotun è facile

Le soluzioni Jotun per la prevenzione e la cura dell'osmosi in carena

22 Marzo 2021 | di Ilaria Ugolini
Osmosi in carena
Osmosi in carena

Da anni Jotun, il colorificio norvegese leader di mercato nel settore delle pitture e dei rivestimenti, offre un’ampia gamma di prodotti ideati per il mercato marittimo, industriale e yachting, con una linea dedicata alla piccola nautica (leisure yacht) ed una per i grandi cantieri di super yacht.

Jotun è presente in Italia con una rete distributiva capillare sul territorio e specializzata nei diversi settori. Sono 35, infatti, i dealer e circa 60 i centri autorizzati, nati grazie alla collaborazione con diversi cantieri nautici, dove è possibile eseguire lavorazioni specifiche come quelle per la prevenzione e la cura dell’osmosi in carena.

Offriamo soluzioni diverse – spiega a Liguria Nautica Ignazio Casarin, sales manager Jotun per l’area adriatica – che vanno dai prodotti antivegetativi e primer a prodotti anticorrosivi, stucchi e smalti. Ma non solo: due dei nostri articoli più apprezzati sono quelli per la cura e la prevenzione dell’osmosi”.

LE SOLUZIONI JOTUN PER LA PREVENZIONE DELL’OSMOSI

Prevenire l’osmosi è possibile applicando un sistema di verniciatura adeguata, anche su carene nuove. “Per prevenire l’osmosi – sottolinea Ignazio Casarin – consigliamo l’applicazione dell’Antipest, un primer epossidico anticorrosivo che contiene scaglie di alluminio“.

“Queste scaglie – prosegue il sales manager di Jotun per l’area adriatica – hanno una forma planare e si dispongono parallelamente alla superficie della barca andando ad aumentare lo spessore percepito, impedendo il passaggio dell’acqua ed evitando che la carena si impregni e si crei così l’osmosi”.

Si tratta di una resina epossidica – racconta Casarin – che può essere applicata con una uguale resa non solo sulla vetroresina, ma anche su altre superfici come legno, ferro, acciaio ed alluminio. E’ un prodotto molto completo che funziona come primer anticorrosivo ed, oltre a garantire un effetto barriera, funziona anche come aggrappante per l’antivegetativa”.

LE SOLUZIONI JOTUN PER LA CURA DELL’OSMOSI

Spesso però la prevenzione non è sufficiente ed è necessario intervenire quando l’osmosi ha già creato danni importanti. “In questi casi – precisa il sales manager di Jotun per l’area adriatica – proponiamo Osmoshell, uno stucco speciale che, grazie alle sue scaglie di vetro, fornisce un’eccezionale durezza ed un solido effetto protettivo”.

“In due mani – aggiunge Casarin – si ottiene già una barriera tra la vetroresina e l’acqua dello spessore di 1 millimetro ed il tempo tecnico richiesto dal prodotto per asciugarsi è di due giorni (1 mano per giorno). Si tratta quindi di un prodotto veloce da applicare e che garantisce un’ottima presa strutturale. Inoltre, è una soluzione green in quanto ha il 98% di solidi in volume”.

GARANZIA ASSICURATA DA UN PERCORSO DI CERTIFICAZIONE

La resa e la tenuta del prodotto vengono garantite da Jotun per 5 anni grazie ad un percorso di certificazione. “Ci assicuriamo che il prodotto venga applicato nella maniera corretta – spiega Ignazio Casarin – dandolo solo ai centri autorizzati per la cura dell’osmosi. Per questo svolgiamo un corso della durata di un giorno, con almeno 4 ore di teoria e un paio di ore di pratica. Senza questo corso non rilasciamo né l’attestazione, né la garanzia”.

“Nei centri autorizzati, alla fine di ogni lavorazione, viene rilasciato un modulo – conclude il sales manager di Jotun per l’area adriatica – sia al cantiere che all’armatore, dove si evidenziano tutti i passaggi seguiti specificando l’umidità relativa al momento della presa in carica e la quantità di prodotto utilizzati. Una volta all’anno, inoltre, viene fatta una ispezione sulle barche dove è stato applicato il prodotto”.

Per trovare i cantieri certificati e preparati a questa lavorazione, si possono contattare i dealer presenti sul territorio che sono in grado di offrire un servizio di consulenza suggerendo all’armatore il luogo più idoneo e la lavorazione più corretta per la propria imbarcazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione