Volare dentro un uragano. VIDEO

Volano dentro gli uragani per studiarli e prevedene gli spostamenti: è il lavoro degli Hurricane Hunters

10 Febbraio 2014 | di Redazione Liguria Nautica

Si chiamano Hurricane Hunters (cacciatori di uragani) e hanno il compito di misurare i parametri atmosferici all’interno dei cicloni tropicali che si formano in prossimità degli Stati Uniti.

A bordo di aerei P3-Orion volano attraverso la tempesta fino a raggiungere l’occhio misurando, strada facendo, intensità e direzione del vento, pressione atmosferica e altri dati necessari a formulare un modello matematico della tempesta osservata.

 

I dati raccolti vengono inviati al National Hurricane Center di Miami dove vengono elaborati insieme ad altri dati disponibili e, sulla base dei risultati, vengono formulate le previsioni sullo spostamento e sull’intensita’ della perturbazione. Gli Hurricane Hunters (http://flightscience.noaa.gov/) dipendono dalla NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), l’agenzia statunitense per lo studio dell’atmosfera e dell’oceano. Nonostante si sia sempre utilizzato il P3 per voli di questo tipo considerata la sua resistenza anche in condizioni meteorologiche proibitive, da qualche tempo sono utilizzati anche aerei più piccoli come i Gulfstream (nati per l’aviazione business) che, sfruttando la loro maneggevolezza, sono in grado di volare intorno alla depressione fornendo una indispensabile visione d’insieme della situazione.

 

A bordo dei P3, oltre ai piloti, sono imbarcati meteorologi e tecnici esperti nell’utilizzo di strumenti come il radar doppler e radiosonde. Quest’ultime vengono lanciate durante il volo e, cadendo, attraversano l’uragano trasmettendo importanti dati a terra tra cui vento, temperatura e pressione alle diverse quote.

Tutte le informazioni provenienti dai voli degli Hurricane Hunters contribuiscono alla realizzazione dei bollettini meteo emessi dal National Hurricane Center (nhc.noaa.gov) e diffusi al pubblico durante la stagione degli uragani (normalmente da giugno a novembre).

 

 

Paolo Andrea Gemelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione