Fisherman italiani, il grande ritorno di Tuccoli

I fisherman T350 e T440 di Marco Tuccoli presentati al Salone Nautico di Genova

25 settembre 2017 | di Maximiliano Ricci

Qualsiasi pescatore ha sognato almeno una volta di possedere una barca fisherman e, sicuramente, dagli anni 80 fino agli anni 2000 il sogno si chiamava Tuccoli. Un fisherman che si rispetti deve avere alcune caratteristiche fondamentali, come navigabilità stabile con mare formato, ampio spazio sul pozzetto di poppa, murate non troppo alte nè troppo basse, portacanne disseminati sulle murate, vasche del vivo, vasche del pescato e una cabina che possa accogliere tutta l’attrezzatura da pesca comodamente.

Il cantiere è stato fondato nel dopoguerra dal maestro d’ascia Ivano Tuccoli, con la costruzione di gozzi in legno e successivamente con imbarcazioni da cannotaggio commissionate dall’istituto nautico. Ma la vera svolta è arrivata con l’entrata in azienda del figlio Marco, che alla fine degli anni 70 iniziò a costruire pilotine e motorsailer in vetroresina e, dopo anni di esperienza, nel 1984 ha dato il via alla produzione dei mitici t21, t24 e t25, barche destinate esclusivamente ai pescatori, vendendo in pochi anni centinaia di imbarcazioni attrezzate per la pescasportiva.

Tuccoli ha poi lanciato diversi altri modelli di misure sempre maggiori. In particolare il 28 piedi con guida sul fly è tutt’oggi una delle barche più ricercate dai trainisti perchè, avendo una  lunghezza  di circa 9 metri e una larghezza di 3, può accogliere comodamente anche sei pescatori. La doppia motorizzazione da 230 cv ciascuno e una visuale rialzata danno più sicurezza in mare e i divergenti in acciaio danno quel taglio fisherman tanto apprezzato dai pescatori.

L’azienda, dopo aver realizzato modelli da pesca sempre più belli e con rifiniture di pregio come il t30 golden e il t350, ha sospeso con la produzione nel 2010, lasciando un grosso buco nel mercato nautico colmato in parte da altre aziende venute alla ribalta negli ultimi anni. Tutti si chiedevano che fine avesse fatto Marco Tuccoli e la risposta me l’ha data lui stesso al 57° Salone Nautico di Genova, dove è tornato alla grande con 2 imbarcazioni , il T440 HT ed il 350 HT.

“In questi anni -ha spiegato Tuccoli- mi sono dedicato alla manutenzione e al refitting dei modelli venduti ed ho dedicato del tempo alla famiglia e ad hobby personali. Attualmente oltre ai due modelli nuovi che abbiamo qui al Salone -ha sottolineato il titolare dell’azienda– ci dedichiamo alla rivisitazione di tutti i nostri modelli di punta, dal 25 piedi al 44. La nostra tradizione è per i fisherman ma strizziamo l’occhio anche ai diportisti. Le persone in visita allo stand e gli apprezzamenti alle barche esposte -ha concluso Tuccoli- ci fanno capire che una delle eccellenze della nautica italiana è tornata alla ribalta”.

Maximiliano Ricci

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione