Inizia la nuova stagione di pesca al tonno rosso

Il via libera arriva da Bruxelles. Fino al 24 giugno i pescatori potranno tornare in acqua a pescare questa specie pregiata. Ma la sua carne finirà sulle tavole giapponesi

2 Giugno 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Si è aperta ufficialmente la stagione di pesca al tonno rosso 2016. Fino al 24 giugno i pescatori italiani potranno tornare in acqua a pescare il preziosissimo esemplare di tonno rosso che in questi ultimi anni è tornato a popolare i nostri mari. Il via libera viene direttamente da Bruxelles e per il secondo anno consecutivo le tonnare italiane vedranno aumentare del 20% le loro quote complessive di tonno rosso (gliene spettano 2.752,56 tonnellate contro le 2.302,8 del 2015).

Bruxelles comunque fa sapere che per tutto il periodo di pesca i controlli verranno mantenuti alti, anche grazie ad un nuovo strumento elettronico di tracciabilità. Per l’Europa, infatti, è motivo di orgoglio il fatto che, dopo anni di eccessivo sfruttamento in cui si è rischiato di perdere una specie pregiata come questa, il tonno rosso sia finalmente tornato a ripopolare il nostro mare. Il commissario alla pesca, Karmenu Vella, ha sottolineato che gli sforzi del passato hanno permesso ora al settore di beneficiare in tre campagne (2015-2017) di un aumento globale del 60% (20% per campagna) delle loro quote di pesca.

Ma non è tutto oro quel che luccica: se i pescatori italiani, infatti, possono essere contenti di tornare a pescare il tonno rosso, un po’ meno soddisfatti saranno i consumatori. Una volta pescato, infatti, il tonno rosso anziché finire sulle nostre tavole viene surgelato e venduto a Tokyo dove i ristoranti sono disposti a pagare delle vere e proprie fortune pur di averlo. Uno scambio decisamente impari se si considera che proprio dal Sol Levante invece proviene gran parte del pesce che arriva in Italia, di scarsa qualità. É il caso del tonno pinne gialle, che arriva in Europa sotto forma di scatolette. A questo proposito recentemente Liguria Nautica ha condotto un’approfondita inchiesta per far sapere esattamente che tipo di pesce è quello che finisce nei nostri piatti.

Chiara Biffoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione