Pesca alla spigola: conosciamo la regina dell’inverno

L'inverno è il loro mese, la spigola è un cacciatore micidiale ma difficile, bisogna trovare le condizioni giuste per insidiarla

7 Gennaio 2016 | di Redazione Liguria Nautica
La spigola è la regina indiscussa dell'inverno

La chiamano la regina dell’inverno, e in effetti è in questo periodo che la spigola caccia in maniera più frequente e attiva e può darci molte soddisfazioni. Andiamo a vedere allora le abitudini, le tecniche di pesca e le esche per insidiare questo magnifico predatore.

La spigola: identikit di una specie

Spigola, branzino, lupo di mare, sea bass: sono molte le denominazioni con le quali viene chiamata. La spigola è un pesce, un predatore, piuttosto diffuso in Mediterraneo. Scientificamente viene denominato come Dicentrarchus Labrax, con ottima diffusione in Mediterraneo ma anche in Atlantico dalla Norvegia al Senegal.

Le sue abitudini alimentari la spingono a frequentare assiduamente le zone portuali, i pontili gallegianti, le scogliere, le foci dei fiumi. Qui la spigola trova ciò di cui si nutre: piccoli pesci, in preferenza cefali e minutaglia varia. I momenti migliori per insdiarla sono l’alba, il tramonto e le ore notturne, ovvero i momenti in cui la spigola è in attività.

 

Le tecniche e le esche per la spigola

In assoluto la tecnica più divertente, ma anche la più difficile, per isidiare la spigola è lo spinning. Una canna con azione 10-40 g o poco più può essere sufficiente per vivere un selvaggio combattimento all’ultimo respiro. Come esca vanno benissimo i minnow, soprattutto quelli che al loro interno hanno degli stimolatori sonori. In alternativa i siliconici possono essere molto efficaci.

Per chi voglia sperimentare tecniche alternative, il surfcasting con mare in movimento utilizzando come esca grossi bibi, americani o arenicola, o anche il cefalo vivo con la teleferica.

Per i super tecnici, la pesca all’inglese con gallegiante e terminali ultra sottili, dello 0.12-0.14, utilizzando come esca il bigattino o, meglio, il gamberetto foraneo vivo.

Le condizioni migliori

In assoluto le condizioni meteo migliori per insidiare la spigola sono quelle a cavallo di una bassa pressione: subito dopo e subito prima, sia per provare dentro i porti sia dalla spiaggia o dalla scogliera. Per provare fuori dai porti è molto importante che il mare sia in movimento, possibilmente con schiuma negli ultimi metri prima della battigia o con frangenti sulla scogliera. La spigola sarà in agguato nella schiuma, e la visibilità ridotta per il mare in movimento la aiuterà ad essere meno sospettosa.

Rilasciare il pesce, a volte un dovere

Pescare è meraviglioso, ma non dimentichiamo mai di rispettare la natura e i suoi equilibri. La spigola è un pesce magro, ed è piuttosto facile capire quando è piena di uova. Poco avanti il foro anale, è facile individuare un netto rigonfiamento: è il segnale che il pesce ha le uova in pancia, il rilascio è obbligatorio.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Pesca

Pesca estrema col maltempo: lo spinning alla spigola

  • 19 Dicembre 2016

Le condizioni ideali sono quelle in cui l'onda batte sulla costa e i primi 10 metri dagli scogli sono caratterizzati dalla schiuma. Lanciando oltre e attraversando la risacca avremo la possibilità di trocare la regina in agguato

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione