Pesca estrema col maltempo: lo spinning alla spigola

Le condizioni ideali sono quelle in cui l'onda batte sulla costa e i primi 10 metri dagli scogli sono caratterizzati dalla schiuma. Lanciando oltre e attraversando la risacca avremo la possibilità di trocare la regina in agguato

19 Dicembre 2016 | di Redazione Liguria Nautica
La spigola è la regina indiscussa dell'inverno

Proprio quando il meteo consiglia di restare a casa, accendere il camino e preparare una minestra calda, il pescatore di spigole prepara la sua attrezzatura, indossa l’abbigliamento tecnico invernale ed esce a caccia della regina.

Le pertubazione invernali più intense infatti sono il teatro migliore per la pesca alla spigola, sia che proviamo a insidiare la regina dell’inverno in porto, da una scogliera o dalla spiaggia. La tecnica che andremo ad analizzare oggi è quella che ci consente di andare in pesca anche in condizioni di mare molto mosso, proibitive per la maggior parte delle tecniche di pesca sportiva: lo spinning.

Il vero spinning invernale alla spigola va infatti praticato, con speranza di successo, in condizioni di mare mosso e molta schiuma. La spigola infatti entra in frenesia da caccia proprio durante le pertubazioni, quando il moto ondoso rende l’acqua a ridosso dei porti o delle scogliere torbida e con una visibilità ridotta.

Attrezzatura ed esche

Possiamo optare per una canna in carbonio, possibilmente monopezzo, non inferiore ai due metri di lunghezza e ai 30 grammi di potenza. Da accoppiare a un buon mulinello che possa contenere almeno 150 metri di 0.25.

Come esche artificiali avremo l’imbarazzo della scelta: codine siliconiche, minnow, piccoli Jig metallici, possiamo variare forme, assetto, materiale e colorazioni delle esche in maniera da avere un’ampia possibilità di scelta.

Tecnica e condizioni

Iniziamo con un consiglio alla prudenza: dato che le condizioni ideali per la spigola sono di mare moso e pertubazione, è consigliabile non andare a pescare da soli ma sempre almeno con un amico. La pesca dalla sogliera con onda è infatti da esperti data la sua pericolosità, ed è meglio sempre avere una persona nelle vicinanze in caso di emergenza.

Le condizioni ideali sono quelle in cui l’onda batte sulla costa e i primi 10 metri dagli scogli sono caratterizzati dalla schiuma. Lanciando oltre e attraversando la risacca avremo la possibilità di trovare la regina in agguato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Agostino ha detto:

    Buongiorno, solo una curiosità che differenza c’è dalla spigola, come definita nell’articolo, ed il branzino (in genovese luasu); per quanto ne so dovrebbe essere lo stesso pesce, vero ? Grazie mille.

Potrebbe interessarti anche

Incursioni in pescheria

Incursioni in pescheria: il branzino

    Torna la rubrica delle incursioni in pescheria, alla scoperta di un pesce pregiato ma che è facile trovare nelle nostre acque sotto costa e proprio per la sua popolarità è conosciuto con molti nomi: il branzino

    © Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
    registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
    Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

    Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

    sito realizzato da SUNDAY Comunicazione