Pesca: quando l’orata ha la luna storta, 4 consigli per convincerla ad abboccare

Un pesce che a volte ci può riservare un comportamento piuttosto lunatico e tutt'altro che scontato. Può capitare infatti di essere certi della presenza delle orate, ma non riuscire a catturarle

29 Agosto 2016 | di Redazione Liguria Nautica
L'orata, na delle regine del surfcasting

Con l’estate che si avvia verso la sua parte finale, la pesca dalla spiaggia entra nel vivo. I bagnanti iniziano a diminuire e le ore di pesca a disposizione aumentano. Ci avviamo lentamente verso uno dei periodi migliori per il surfcasting, quel periodo a cavallo tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. L’acqua è ancora calda, ma le prime mareggiate iniziano a farsi sentire un po’ sulle coste di tutta Italia ravvivando i fondali. E’ questo il momento per tornare a pensare a qualche cattura importante che magari era difficile da realizzare in piena estate, nei periodi di altissima pressione e con le spiagge affollate fino a tarda sera dai bagnanti.

Quando si parla di prede importanti non si può che pensare all’orata, una delle prede regine della pesca dalla spiaggia e non solo. Un pesce che a volte ci può riservare un comportamento piuttosto lunatico e tutt’altro che scontato. Può capitare infatti di essere certi della presenza delle orate, ma non riuscire a catturarle.Può altresi capitare che le orate si palesino a fasi alterne: entrano in pascolo all’improvviso su una data spiaggia per poi sparire pochi giorni dopo. Comportamenti a volte difficili da decifrare: in alcuni casi si ripetono in determinate situazioni di mare o corrente, altre volte sono dettate da abitudini dei pesci poco verificabili se non siamo degli esperti di fauna marina.

Andiamo a vedere allora una serie di approcci mirati per andare a “convincere” la prelibatissima preda, con attenzione agli spot particolari e agli inneschi.

1- Le aree portuali

Ci sono capitati porti in cui eravamo certi della presenza delle orate ma adoperando le esche tipiche per questo pesce (arenicola, bibi, americano, granchio, cozza, etcetc) non riuscivamo a catturarne nessuna. Nelle aree portuali le abitudini alimentari dell’orata possono essere influenzate dal tipo di pesca che viene praticato nello spot dai tanti appassionati. In porti dove viene praticata la tecnica della bolognese o il feeder, l’orata si abitua a mangiare il bigattino. Sarà quindi indispensabile avere con noi anche quest’esca, da accoppiare a un pasturatore o anche su un classico minitrave da orata a bracciolo singolo lungo non meno di 1,80 mt. I risultati potrebbero essere sorprendenti. Provare per credere.

2 – Proviamo a innescare un granchio spaccato

Possono esserci anche situazioni in cui le mangiate non arrivano semplicemente per mancanza di attività da parte dei pesci. Un modo per stimolare, con potenti scie olfattive, la curiosità dell’orata, è quello di usare il granchio tagliato. Uno dei classici granchi che solitamente inneschiamo interi, possiamo adoperarlo tagliato a metà o intero ma con il guscio un po’ schiaciato. La polpa interna che fuoriesce è sicuramente molto appetibile per l’orata e a volte quest’innesco può fare la differenza.

3 – Nel dubbio, bracciolo lungo e sottile

Un’altra operazione importante in caso di apatia delle orate è quella di migliorare il nostro bracciolo, sia esso installato su una montatura scorrevole o su un minitrave nel caso di un sistema ad un amo. Se le condizioni del mare lo consentono, è bene allungarlo anche fino ai 2 metri scendendo contemporaneamente di diametro. In condizioni di mare veramente calmo è il caso di spingersi fino a uno 0,14 in fluorocarbon, a patto che sia veramente di qualità e non ci giochi brutti scherzi se dovessimo ferrare un pesce importante. In questo caso, e in generale quando si pesca ad orate con finali inferiori allo 0,18, è consigliabile realizzare una piccola brillatura sopra l’amo: il raddoppio del filo sarà invisibile perché coperto dalla calzatura dell’esca, ma eviterà che l’orata con la sua bocca possa rovinare o recidere il nostro esile terminale.

4 – La lenza quasi in bando

In caso di apatia l’eventuale mangiata che arriverà potrebbe essere molto sospettosa. Se l’acqua è calma, non mettete la canna perfettamente in tiro. Lasciate la lenza appena sotto la tensione minima, in caso di tocca il pesce avvertirà meno attrito e potrebbe essere più propenso a completare la mangiata.

 

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione