Sarago mostruoso: dalla Spagna un pizzuto di 6.2 kg, è record

Un esemplare di sarago pizzuto di 6.2 kg è stato catturato da un pescatore subacque in Spagna. E in Italia è possibile? Forse, vi diciamo dove

3 Dicembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Amici pescatori, sgranate bene gli occhi perché un esemplare del genere onestamente lo vedrete molto raramente: stiamo parlando della cattura di un sarago pizzuto di ben 6.2 kg, attualmente record mondiale per la specie.

La cattura è avvenuta per mano di un pescatore subacqueo, Gerardo Martinez, a Ferrol, Spagna, Galizia per la precisione. Il sarago è stato sparato a una profondità di circa 18 metri. A differenza di altre specie di saraghi, come soprattutto il faraone, il pizzuto non è solito arrivare a misure big, la cattura di Ferrol è quindi un evento più unico che raro.

Sarago pizzuto o Diplodus Puntazzo

Il sarago è uno sparide, un grufolatore, un pesce molto ambito dai pescasportivi sia per la sua combattività sia per la bontà delle sue carni. Vive su fondali rocciosi principalmente ma non solo: può capitare di trovarlo al pascolo anche su fondali misti roccia-sabbia o in presenza di poseidonia. E’piuttosto diffuso in Mediterraneo.

Come tecniche di pesca lo si può insidiare a bolentino con esca la sardina o piccole seppiette. Dalla spiaggia a surfcasting si può provare sia con la sarda sia con il bibi, ma, soprattutto in giovane età, non disdegna un assaggio anche agli anellidi quali coreana, arenicola o americano.

In Italia dove trovare un sarago record?

Non dovremmo dirvelo, ma catture di saraghi da sogno, non come quello spagnolo ma comunque anche sopra i 3 kg, si possono fare anche in Italia. Dove? Bhe, le franate laviche a buona profondità sono un habitat eccezionale per lo sviluppo di saraghi……eccezionali. In Italia andate quindi a provare alle Eolie, chi non è allenato si dimentichi di avventurarsi con la pesca subacquea e si attrezzi di barca e canne da bolentino perché per cercarli bisogna scendere ben oltre i 20-30 metri. Quali isole delle Eolie in particolare? Occhio soprattutto a Filicudi e Stromboli.

In quale punto? Non ve lo diremo mai. Andate, cercate, sperate…

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione