SOS: Salviamo lo squalo elefante

Per tutelare questa specie ormai in via d'estinzione, è stato ideato un sistema basato su reti da pesca dotate di sensori

2 Luglio 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Squalo tigreE’ un esemplare ormai in via d’estinzione per questo è stato pensato un sistema per tutelare la sua esistenza. Una rete da pesca dotata di sensori per salvare lo squalo elefante, per avvisare i pescatori e le autorità degli enti parco direttamente su tablet o smartphone delle possibili catture accidentali di un esemplare sempre più raro nel Mediterraneo e di altre grandi specie marine protette.

 

La speciale rete da ‘posta’ è stata progettata dal Dimes dell’Università della Calabria, nell’ambito del progetto life+ iniziato nel 2011. Si tratta di una classica rete a tramaglio modulabile con una boa Master e un numero variabile di boe Slave: la boa Master galleggiante raccoglie i dati e li trasmette attraverso la rete telefonica cellulare a un Web Server che rende disponibili le informazioni e il controllo del sistema tramite una pagina web anche con tablet o smartphone. Le boe Slave operano in fondali profondi (almeno 100 metri): contengono sensori connessi al modulo Master mediante un cavo che le alimenta e che rileva vibrazioni, profondità, intensità del suono e lo stato di trazione delle funi. “Lo squalo elefante spazia a varie profondità in cerca di plancton – spiega Calogero Pace, professore associato di elettronica del Dimes e ideatore del sistema – e può finire nelle reti, ora grazie al segnale di cattura può essere salvato entro 2 o 3 ore dando il tempo di intervenire”. Sono stati realizzati 3 prototipi che saranno ancora utilizzati dai pescatori che hanno partecipato al progetto nei Parchi Nazionali dell’Asinara e di La Maddalena.

 

Foto: ‪imperialbulldog.com‬

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione