Speciale Pesca – E’ tempo di tentare la foce

Un tipo di spot unica per la grande varietà di prede che si possono incontrare, la pesca in foce può riservare grandi sorprese

29 Marzo 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Il periodo è quello buono: l’acqua inizia a scaldarsi, i fiumi o i piccoli corsi d’acqua hanno ancora un discreto livello d’acqua dopo le pioggie invernali. E’ tempo di andare a provare la pesca in foce.

La tecnica che descriveremo è quella della pesca a fondo, meglio conosciuta come surfcasting (beach ledgering nella sua variante light), ma in questo caso il più delle volte non sarà necessario cercare grandi distanze di lancio.

Le foci dei fiumi sono delle zone naturalmente ricche di pesce: il flusso dei fiumi deposita una gran quantità di detriti, smuove il fondale, crea turbolenze e fa incontrare flussi d’acqua a temperatura diversa: tutte situazioni potenzialmente molto attiranti per una grande quantità di specie ittiche.

Le prede della pesca in foce

Ci sono alcune prede tipiche delle foci e tra queste senza dubbio trova un posto la spigola. Questo cacciatore nelle acque turbolente di un fiume che sbocca in mare trova le sue condizioni preferite e soprattutto una grande quantità di piccoli pesci da cacciare. I pesci serra e le leccie amia sono poi altre tipologie di predatori che amano frequentarequeste zone e che potremo insidiare con la pesca in foce.

Per il resto può sucedere di tutto: saraghi, orate, ombrine, mormore, in base al tipo di fondle una grande varietà di potenziali prede frequentano questi particolari spot.

La tecnica, l’attrezzatura e le esche

Occorrerà sondare bene la zona di pesca per capire il fiume come modella il fondo, dove sono le zone con maggior corrente e quelle in cui la profondità inizia a degradare. In linea di massima la fascia ideale dove lanciare sarà entro i 50 metri, ma è bene sondare diverse distanze e fari vari tentative per trovare le zone di pascolo del pesce.

Le canne, i mulinelli e i monofili saranno quelli tipici del surfcasting, così come i calamenti. E’ consigliabile avere sulle montature anche dei braccioli dotati di flotter, così da potere insidiare la grande varietà di pesci che popolano le fasce intermedie della colonna d’acqua: occhiate, piccole lecce stella, agulie, tutte piccole prede che poi eventualmente potremo innescare vive per cercare la grande cattura.

Si può pescare con i classici vermi del surfcasting: americano, arenicola, bibi, oppure optare per la sardina, i calamari o le piccole seppie. Con i vermi cercheremo i grufolatori: saraghi, orate, mormore, con la altre esche ci dedicheremo ai predatori.

Nel caso della ricerca della spigola è molto catturante e la seppiolina intera flotterata. Per il serra, obbligatorio il cavetto d’acciaio come terminale, va molto bene la sardina intera, il filetto di sgombro o di muggine.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Pesca

Pesca estrema col maltempo: lo spinning alla spigola

  • 19 Dicembre 2016

Le condizioni ideali sono quelle in cui l'onda batte sulla costa e i primi 10 metri dagli scogli sono caratterizzati dalla schiuma. Lanciando oltre e attraversando la risacca avremo la possibilità di trocare la regina in agguato

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione