Una tassa sulla pesca sportiva? Ora si paga per lanciare un filaccione in mare?

Venti euro sulle unità motorizzate e dieci per chi lo fa da terra o da barca a vela: queste le cifre. La F.I.P.I.A. si oppone a questa proposta di legge

14 Ottobre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Una tassa sulla pesca sportiva : si parla di un’imposta di venti euro per chi pratica quest’attività a bordo di una barca a motore e di dieci euro per chi lo fa da terra o da barca a vela. Questa nuova proposta di legge è stata presentata in questi giorni, un’iniziativa analoga era stata già lanciata la scorsa primavera.

La proposta di una tassa sulla pesca sportiva era stata poi bocciata in seguito al coro di proteste levatosi dalla comunità dei pescatori e dalle diverse associazioni che rappresentano oltre un milione di praticanti, questo sembrava aver indotto a un ripensamento tra i nostri politici, riguardo a iniziative simili per normative sulla pesca non commerciale. Evidentemente non è stato così.

Una tassa sulla pesca sportiva dal primo gennaio 2016

Dal 1 gennaio 2016 si dovrà pagare una tassa per pescare. Il 60% dei soldi versati dai pescasportivi andrà a finanziare la pesca professionale, assurdo se si pensa che questa è la causa principale del depauperamento ittico dei nostri mari, il 30% sarebbe destinato alle iniziative per il contrasto della pesca illegale e un 10% potrebbe finire al CONI con un destino incerto. Il testo, che punta con decisione a favorire la pesca professionale, contiene anche una serie di altre agevolazioni amministrative, tributarie e fiscali.

Al di là delle polemiche successive all’approvazione di una tale normativa, si potrebbero anche creare situazioni abbastanza ambigue e di difficile risoluzione. Infatti, non è chiaro se la normativa verrà estesa anche a chi facendo un trasferimento a vela decidesse di mettere in acqua un filaccione, ovvero chi pratica quest’attività in modo del tutto occasionale.

Se così fosse, le motovedette della Guardia Costiera o quelle della Guardia di Finanza avrebbero un bel da fare, perché è difficile immaginare che tutti si ricordino di una tale normativa.

La F.I.P.IA. (Federazione Italiana Pesca In Apnea) dice no alla tassa sulla pesca sportiva, dichiara di respingere il progetto di legge e di volersi oppore in tutti le sedi possibili. Questa primavera la “battaglia” si era conclusa positivamente, vedremo adesso.

Paolo Bellosta

 

 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

2 commenti

  1. Rolando Bocchini ha detto:

    Nudi alla meta. E’ vergognoso pensare di dare contributi ed agevolazioni alla pesca professionale (dopo aver dato contributi prima per la costruzione dei pescherecci, poi per la loro demolizione), vuol dire che ogni associazione renderà ben visibile il nome del partito che ha “partorito” questa bella proposta e lo cancellerà dalle proprie schede elettorali …..
    Rolando

  2. Narese ha detto:

    Non mi sorprenderei se qualcuno dei nostri politici proporrà un giorno una tassa ogni qualvolta andiamo a fare la pipi!

Potrebbe interessarti anche

Eventi e fiere

Pesca d’altura: al via l’Angler Festival

L'Angler Festival si terrà dal 29 luglio al 8 agosto, tutti i giorni dalle 9:30 alle 18:30 presso la banchina del cantiere Sno Yachts di Olbia. Una manifestazione che riunisce i molti appassionati di pesca d'altura

Mercato nautica

Pesca di frodo praticata nel mare di Pianosa

  • 11 Giugno 2015

In una segnalazione inviata a Parco nazionale, Capitaneria di Porto, Corpo Forestale dello Stato e ministeri dell’ambiente e dello sviluppo economico, si spiega come si stia compiendo un "saccheggio di un’area marina a tutela integrale, che è anche zona di protezione speciale dell’Unione Europea"

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione