Assicurazioni: armatore sai come comportarti?

In caso di sinistro, la pratica con le assicurazioni non sempre è semplice, ecco come provare a tutelarsi seguiti da un professionista

Siamo ad inizio anno e non è inverosimile che per molti si arrivato il momento di rinnovare qualche polizza sia essa la “classica” RC natanti, corpi e macchina che quella per la responsabilità civile professionale, magari per qualche marittimo.

Con questo articolo, il primo di due dedicati rispettivamente agli armatori e poi ai marittimi, avrà l’intento di dare qualche utilissimo consiglio per evitare, proprio quando si potrebbe avere bisogno della copertura della vostra polizza o di ricevere un indennizzo, di avere delle spiacevoli soprese da parte della compagnia assicuratrice di turno.

Una prima casistica, neanche troppo rara da trovare, è quella relativa ad un evento nel quale l’armatore è il danneggiato: potrebbe capitare che dopo aver subito un sinistro l’assicurazione della controparte, purché abbia effettivamente aperto il sinistro, vi comunica che il danno non potrà essere risarcito – spesso neppure giustificandone i motivi – o, peggio, attuando una strategia tesa all’inerzia, magari senza neppure comunicare al danneggiato alcunché.

In questi casi, come detto neanche troppo sporadici, la miglior strategia è quella preventiva: nell’evitare fin da subito lungaggini e perdite di tempo il primo passo è quello relativo ad un accertamento di un tecnico di fiducia, il quale a prescindere o no da un eventuale accertamento da parte del perito dell’assicurazione, in riferimento ai danni sofferti saprà, comunque in obbiettività, fornirvi la reale computazione dei danni e delle dinamiche del sinistro, nonché le relative responsabilità.

Questo offre due preziosi vantaggi. Il primo è quello chiaramente riferito alla valutazione delle responsabilità, l’entità dei danni e alla valutazione normativa afferente la polizza, essenziale, in questa fase, per farsi un’idea chiara della situazione e dello stato della pratica.

Ciò è sempre utile: che la compagnia faccia o meno il proprio dovere lo strumento, dato una valutazione terza, saprà, di riflesso, anche suggerirvi se (anche in caso di indennizzo) l’importo sia effettivamente congruo e coerente con i danni sofferti.

Ma andiamo avanti. A volte però l’unica via è rappresentata anche da una fase di natura legale: non di rado molti danneggiati sono costretti ad inviare alla compagnia assicuratrice – tramite un legale – una citazione.

Qui accade, statisticamente parlando, una fase nella quale il liquidatore possa finalmente proporre una transizione al danneggiato che però frequentemente, a detta di alcuni legali, è spesso talmente irrisoria tale da sembrare quasi effimera, anche se fortunatamente non sempre è così.

In questa ultima fase la strada si divide. In un primo caso, tramite il supporto dei legali e dei periti, si può arrivare finalmente alla liquidazione dell’indennizzo o, nella peggiore delle ipotesi, a dover affrontare un contenzioso legale.

E se invece, vostro malgrado, siete invece voi ad aver danneggiato qualcuno? Vale certamente lo stesso criterio. Valutare le responsabilità e le dinamiche potrebbe, anche a sorpresa, esonerarvi o limitare la vostra sfera di responsabilità. Avere comunque un parametro dato da un punto di vista terzo ed indipendente dal vostro e da quello delle compagnie (o enti e autorità) è quello che potrebbe fare la differenza tra un esborso o un esonero di responsabilità.

A questo punto e in conclusione, c’è pero da spezzare una lancia a favore della verità: ci sono effettivamente compagnie, nonché taluni sottoscrittori dei Lloyd’s, che al contrario da quanto riferito dalle fonti che ci hanno aiutato a realizzare questo articolo, brillano, al contrario, per serietà ed efficienza nel valutare e gestire i sinistri in campo diportistico.

Sicuramente questo è un ottimo spunto anche per scegliere, adeguatamente, con quale compagnia assicurare il proprio bene.

Daniele Motta

Perito e Consulente Navale

Tel. +39 389 006 3921

info@studiomcs.org

www.perizienavali.it

Argomenti: ,

Potrebbe interessarti anche

Speciale assicurazioni

Speciale Assicurazioni: la tutela legale

L'esigenza di trovare coperture assicurative complementari alle polizze "tradizionali" è sicuramente un'esigenza molto sentita anche nel comparto nautico. Con questo speciale parliamo di tutela legale, cercando di individuarne vantaggi, limiti ed opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 commento

  1. Agata ha detto:

    L’articolo sarebbe stato davvero utilissimo se si fosse pubblicata la lista delle società assicurative virtuose… 🙂

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione