Bussola impazzisce: ecco il video di un lettore. Vi è mai capitato?

Mario Mondello stava navigando con la sua imbarcazione a vela a sud dell'isola di Favignana, tra il Pevero e Cala Rossa quando la sua bussola è impazzita. Abbiamo cercato di capire cosa può essere successo ma senza trovare una spiegazione!

Lo scorso 26 agosto un nostro lettore, Mario Mondello, stava navigando con la sua imbarcazione a vela (un Hanse 370) a sud dell’isola di Favignana, tra il Pevero e Cala Rossa. Ad un certo punto la rosa della bussola ha assunto un comportamento inusuale, cominciando una rapida rotazione intorno al proprio asse durata circa 30 minuti. A raccontare l’accaduto, inviando una mail alla nostra redazione, è stato lo stesso Mondello.

Il principio di funzionamento della bussola magnetica è piuttosto semplice: al di sotto della rosa sono posizionati dgli aghi magnetici che forniscono, entro certi limiti di latitudine (fino a circa 60° nord e sud), l’indicazione del nord (bussola). Gli aghi sono infatti soggetti ad una coppia di forze che determinano la rotazione della rosa fino a quando questi ultimi, che ne costituiscono l’elemento sensibile, non sono disposti parallelamente alle linee di forza del campo magnetico terrestre.

La direzione del nord indicata dalla bussola di bordo non corrisponde tuttavia a quella del nord vero (dove confluiscono i meridiani geografici), disconstandosene per un certo angolo dovuto all’azione del campo magnetico di bordo (deviazione magnetica) ed alle anomalie locali del campo magnetico terrestre (declinazione magnetica).

Per dare una spiegazione a quanto si vede nel filmato abbiamo verificato sia la presenza di anomalie a bordo sia nella zona di navigazione. Per quanto riguarda le anomalie a bordo, il sig. Mondello ci ha confermato di aver verificato che non fossero presenti masse ferrose o campi magnetici in grado di influire sul comportamento degli aghi.

Escluse queste cause ci siamo concentrati su cause esterne all’imbarcazione. Abbiamo contattato la Capitaneria di Porto di Trapani, che ha escluso la presenza di note alterazioni del campo magnetico (dovute , ad esempio, alla presenza di un cavo sottomarino presente in zona).

Il passo successivo è stato contattare l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che a sua volta ha escluso la presenza di tempeste magnetiche associate all’attività solare. “Non ci sono state tempeste geomagnetiche di origine solare negli ultimi tre giorni -hanno dichiarato- come documentato anche dai magnetogrammi registrati dagli osservatori geomagnetici dell’INGV (ad esempio, http://geomag.rm.ingv.it/index.php?op=dur2) e dai valori dell’indice K di attività geomagnetica, specialmente per il giorno 26 agosto, che indicano condizioni geomagnetiche molto quiete a livello globale (http://www.swpc.noaa.gov/)”.

Alla luce di queste verifiche non siamo in grado di dare una spiegazione al fenomeno che, almeno per il momento, resta un mistero.

 

Argomenti: ,

Potrebbe interessarti anche

Meteo pratico

Meteo pratico – Traversata oceanica in barca a vela

Molti velisti ambiziosi desiderano realizzare un giorno l'impresa di una traversata oceanica. Importante in questi casi è sapere cosa aspettarsi in materia di condizioni meteo-marine, per potersi preparare in anticipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione