Immergersi all’Elba: la costa meridionale

La splendida isola mediterranea, famosa per essere stata governata da Napoleone, ci regala una incredibile varietà di siti di immersione

Nave greca
I resti del cargo greco affondato nella costa meridionale dell'isola d'Elba

E’ proprio nella costa che butta a meridione, che troviamo i siti di immersioni che hanno resa famosa tra i subacquei di tutto il mondo l’isola d’Elba. Ecco i punti migliori in cui tuffarsi con pinne ed erogatore.

Secche di capo Fonza
Le secche in realtà sono due, entrambe limitate da due belle pareti colorate da gorgonie, margherite e, dopo una certa profondità, anche da rami di corallo rosso. Nella secca più vicina alla costa, potete visitare anche delle belle grotte. La profondità va dai 3 ai 45 metri. 

Punta Fetovaia
A ponente di Marina di Campo, si trova questa celebre immersione che è tra le più morfologicamente varie che ci possano essere. Ci si immerge su una franata sino ad una prateria di posidonie che, procedendo verso il largo, si trasforma in una cigliata che a sua volta, scendendo verso i 40 metri, si spacca in larghi canaloni! Vi chiederete come fanno a starci tutte queste cose in un solo sito di immersione! Anche se il paesaggio la fa da padrone, la vita marina non manca e i fotosub torneranno a galla con belle immagini di vita marina.

Relitto della nave greca
Una palestra perfetta per i “relittari” alle loro prime esperienze. La nave mercantile è praticamente integra, a parte la prua devastata, è appoggiata sulla fiancata destra ed è possibile penetrarvi attraverso passaggi non impegnativi. Anche la profondità che va dai 9 ai 14 metri, rendono l’immersione facile e divertente per tutti. 

Gorgonia rossa

Un incontro frequente per i subacquei in visita all’Elba: la spettacolare gorgonia rossa

A 18 miglia a settentrione dell’isola Elba, pressapoco alla stessa altezza del “dito” della Corsica, troviamo l’isola di Capraia. I romani le avevano dato questo nome per via delle tante capre che la popolavano. Le capre, oramai, si sono estinte da un pezzo ma il nome è rimasto. Quando l’ho vista spuntare dal mare mi sono stupito perché la immaginavo brillare di colore verde, come l’Elba, ed invece è nera come la pece. Su una guida ho letto che il colore viene dall’origine vulcanica dei suoi rilievi. Più che subacquei, Capraia è raggiunta da botanici e appassionati di birdwathing perché nell’isola sopravvivono delle vere e proprie rarità biologiche. Ai subacquei, l’isola offre due belle immersioni, entrambe nella costa sud orientale dell’isola.

Lo scoglione
L’immersione si snoda lungo una parete che, scendendo, si divide in due costoni a disegnare una V. Il fondale è coperto da sabbia finissima e bianchissima. Qui, l’acqua è sempre limpida e la visibilità eccezionale. Anche questa è un’immersione per sub esperti perché si scende a 40 metri. Consigliatissima ai fotosub per la presenza di molte speci animali: saraghi, nuvole di castagnole, aragoste, polpi, dentici.

Secca del Turco
Anche questa è un’immersione adatta a subacquei con una discreta esperienza sulle… pinne. Si comincia con un costone a 22 metri che scende, a tratti verticalmente, sino ad un fondale di sabbia a 50 metri. Le cose più belle si trovano sulle spaccature della parete: polpi giocherelloni, spugne colorate, truci murene e rossi scorfani dal muso rugoso. Attenzione che, per questa come per altre immersioni dell’Elba, la visibilità sempre eccellente a tutte le profondità, se da un lato facilità l’immersione, dall’altro rischia di indurvi a scendere più del consentito! Non dimenticate quindi di buttare costantemente un occhio attento al vostro profondimetro!

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione