Immergersi tra Varazze e Arenzano: la guida di Liguria Nautica

La guida di Liguria Nautica alle immersioni tra Varazze ed Arenzano

Una auto sommersa
Un parcheggio in fondo al mare!

La costa ligure presenta parecchi punti di immersione particolarmente interessanti per chi cerca la spettacolarità nei fondali  ma anche per chi ama i relitti e l’archeologia sommersa. Vediamo in questo articolo, procedendo lungo la costa da ovest verso est, le migliori “pinneggiate” subacquee tra Varazze e Arenzano, località servite da ottimi diving che facilitano l’attività subacquea e garantiscono elevati standard di sicurezza a chi ci si affida.

Il cimitero delle auto

Cominciamo subito con una chicca imperdibile, anche se poco conosciuta dai subacquei: un cimitero di automobili in fondo al mare! Siamo ad est di Varazze, in prossimità della costa. Le auto si trovano accatastate alla rifusa ad una profondità compresa tra i 36 e i 50 metri ed oltre. Si tratta quindi di una immersione riservata ai subacquei più esperti.

Le automobili in questione sarebbero state danneggiate durante le alluvioni che hanno devastato la Liguria tra il ’67 e il ’70 ed i proprietari se ne sarebbero sbarazzati gettandole in mare. Questo perlomeno è quanto riportano i giornali locali che, periodicamente, pubblicano articoli con titoli come “Trovato un cimitero di auto in fondo al mare” oppure gridano allo scandalo di un fondale marino trasformato in una discarica.

Certamente, gettare oggetti inquinanti come le batterie dell’auto in mare non fa bene all’ambiente ma bisogna anche notare che le carcasse delle automobili si sono nel tempo trasformate in una vera e propria oasi di ripopolamento ittico. L’immersione, pur se impegnativa per la profondità, è molto bella, la visibilità sempre buona e la corrente leggera. E quelle auto adagiate sul fondo del mare poi, con i gronghi che si affacciano dai finestrini rotti come dalle finestre di casa loro, sono davvero uno spettacolo unico.

Secca delle Campane

Immersione tanto facile, quanto spettacolare. Si tratta di una tipica secca a panettone che comincia a 6 metri e scende a 13. Un vero a proprio laboratorio di biologia marina con un campionario prerssoché completo delle specie sessili del Tirreno. Un piccolo paradiso per gli appassionati di macro fotografia e un’utile palestra per i neo brevettati, considerando che la profondità è poca, la visibilità sempre buona e la corrente nulla. Cosa chiedere di più?

Secca di Bedin

A poca distanza dalla secca delle Campane ma a profondità assai più impegnative (dai 38 ai 45 metri), troviamo la secca detta di Bedin. Oltre alle specie sessili già viste nella secca precedente, questo tratto di mare è frequentato anche da pesce di passo mentre nelle fenditure delle rocce trovano casa belle aragoste.

Secca del Forno di Napoleone

Nella costa di  Varazze c’è una grotta che è stata chiamata Forno di Napoleone. Non ho la minima idea dell’origine del nome e mi piacerebbe tanto se qualche lettore mi aiutasse a fare chiarezza. Fatto sta che questa grotta ha dato il suo nome ad una splendida e grandissima secca che si trova nel tratto di mare antistante.

E’ un’immersione di media difficoltà. La secca comincia a 30 metri e scende a 38 nel suo punto più basso. Le notevoli dimensioni della secca offrono la possibilità di effettuarci molte immersioni. Scorfani, aragoste, enormi gorgonie rosse, saraghi e grosse cernie e, addirittura, nei suoi punti più bassi, anche del corallo! Inutile ricordare che il corallo va ammirato, fotografato e lasciato dov’è!

Scogli di terra

Gli appassionati di macro fotografia non possono non fare una capatina agli scogli di Terra per immortalare i coloratissimi e tutti diversi nudibranchi che nuotano tra le fenditure di questa scogliera sommersa. L’immersione la cataloghiamo facile, essendo la profondità compresa tra i 19 e i 27 metri. Attenzione, però, che qualche volta tira corrente! In primavera e in autunno, buttate l’occhio verso il mare aperto per ammirare i grandi pesci di passo.

Capo Arenzano

Concludiamo con il sito più famoso delle acque antistanti le cittadina di Arenzano, ricordando la serie di piccole e medie secche che offrono vari percorsi subacquei a varie profondità comprese tra i 18 e i 37 metri. Ma non serve scendere tanto per imbattersi in gronghi, scorfani, saraghi e polpi giocherelloni.

Potrebbe interessarti anche

Cacciatori di relitti

Il tesoro della Nuestra Señora

Un incredibile bottino di 450 milioni di dollari in oro e pietre preziose. Un cacciatore di relitti che faceva l'allevatore di polli. Ecco la vera storia del ritrovamento subacqueo più mirabolante di tutti i tempi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione