Curiosità e credenze marinare – In barca mai indossare anelli

Perché nessun “lupo di mare” porta la fede o gli anelli? Per negare l’amore verso la dolce metà? Per scaramanzia o per trovare una donna in ogni porto? Vi sveleremo il motivo…

Se si guardano le mani di tutti gli uomini di mare vien da pensare che siano tutti single, nemmeno uno sposato. Nessun marinaio porta la fede al dito.

Eppure di marinai sposati ce n’è, ma non portano il simbolo del matrimonio al dito per un motivo ben preciso. Secondo la legge non scritta del mare “in barca non bisogna mai indossare vere e anelli”. Una regola che vale per tutti i lupi di mare, anche per i più innamorati.

Una “legge” pensata non per negare i sentimenti verso la dolce metà, nemmeno per precludere la possibilità di trovare una donna in ogni porto, ma per salvaguardare l’incolumità fisica del marinaio. L’anello al dito per un uomo di mare significa pericolo!

La fede, la vera e ogni tipo di anello durante le manovre o in momenti particolarmente difficili della navigazione potrebbe diventare un grosso impedimento. Potrebbe impigliarsi nelle cime, o in qualsiasi altro strumento della barca e danneggiare la mano del marinaio o addirittura mutilarla.

Non focalizziamoci, però, solo sul simbolo dell’amore, la stessa regola riguarda tutti i gioielli che non si strappano se si impigliano.

Non preoccupatevi, però, questa “legge marinara” vale per chi lavora in barca. Se avete in programma di fare una gita in mare non dovete togliervi il simbolo del vostro amore.

 

Elisabetta Cantalini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Agata ha detto:

    Senza sapere di questa credenza, alla seconda volta che mi si è impigliato un anello in barca, ho deciso di non usarne affatto. Idem per bracciali, orecchini e collane lunghe. Oltre a perdere qualcosa di valore ci si può fare male con un nonnulla.

  2. tommaso ha detto:

    anche in officina è sconsigliato portare la fede, anche le catenine e la cravatta svolazzate. Il caschetto e le scarpe antinfortunistiche spesso risultano una ipocrisia.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione