La leggenda del pirata e del tesoro nella grotta di Paraggi

Secondo la tradizione popolare, una ferocissima murena farebbe da guardia ad un preziosissimo tesoro custodito nella baia di Paraggi. La leggenda si lega ad altri racconti sinistri e spesso non del tutto fondati sul conto di questo pesce

Anche oggi vi portiamo alla scoperta di una leggenda che riguarda un altro suggestivo borgo ligure. Stiamo parlando di Paraggi, frazione del Comune di Santa Margherita Ligure, le cui acque cristalline fanno parte dell’Area Marina Protetta di Portofino.

La baia di Paraggi, divisa tra Santa Margherita e Portofino, è racchiusa tra la caletta di Niasca e il celebre castello, conosciuto anche come Villa Bonomi Bolchini. Il Castello di Paraggi, costruito dalla Repubblica di Genova per presidiare le coste del Golfo del Tigullio, sorge su un promontorio a picco sul mare dove si apre una grotta abitata, secondo la leggenda, da una feroce murena che fa la guardia al tesoro di gioielli e monete d’oro.

Il pirata e il tesoro

La leggenda narra infatti che il pirata francese Etienne Toussaints, noto per la sua avidità, naufragò con il suo veliero nei pressi della scogliera. Essendo rimasto ferito, si rifugiò nella vicina caverna e, naturalmente, ebbe cura di portare con sé l’inestimabile tesoro. Poco dopo Toussaints morì circondato dalle sue ricchezze.

L’anima del filibustiere si trasformò così in un enorme e spietata murena, pronta ad attaccare chiunque si avvicinasse al prezioso bottino. Come spesso accade, mito e realtà si intrecciano: è opinione diffusa, infatti, che la murena sia molto pericolosa per gli esseri umani. In realtà, ci sono alcuni aspetti che vanno chiariti.

Murena: caratteristiche e curiosità

La murena (Muraena helena) è un pesce osseo anguilliforme molto presente nell’Oceano Atlantico, nel Mar Mediterraneo e nel Basso Adriatico: non è raro, quindi, avvistarla durante le immersioni subacquee o addirittura lo snorkeling.

Per quanto il morso della murena sia doloroso, bisogna ricordare che non è velenoso: nella saliva del pesce, infatti, non sono presenti tossine. Queste ultime si trovano, invece, nel sangue e diventano particolarmente pericolose solo se entrano in circolo nel sangue umano, mentre non causano alcun danno se ingerite.

Tendenzialmente, la murena non aggredisce l’uomo, ma può capitare che attacchi anche se non provocata a causa della sua territorialità. È, quindi, rischioso offrire del cibo a questi pesci dalle proprie mani.

 

Fonte foto:  outdoorportofino.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione