La leggenda del polpo che difese Tellaro

Alla scoperta della leggenda del polpo che salvò il borgo ligure da un'incursione dei pirati

In Italia ci sono molti luoghi legati a doppio filo alla poesia e alla letteratura. Tra questi c’è un gioiello ligure, Tellaro, frazione più orientale di Lerici, in provincia della Spezia, che dal 2004 è stato inserito tra i borghi più belli d’Italia.

Il borgo marinaro è stato meta e rifugio di molti artisti nel corso dei secoli: Mary e Percy Bysshe Shelley lo scelsero come dimora all’inizio dell’Ottocento, mentre cento anni dopo fu la volta di Virginia Woolf e D.H. Lawrence. Non possiamo, poi, dimenticare lo scrittore e giornalista Mario Soldati, che vi si trasferì negli anni Sessanta, ed Eugenio Montale, che al borgo spezzino dedicò la poesia “Verso Tellaro”.

Arroccato su una scogliera che si affaccia sul Golfo della Spezia – soprannominato Golfo dei Poeti non a caso – Tellaro è stato avamposto difensivo dell’antico insediamento romano di Barbazzano, paesino limitrofo oggi abbandonato, che nella notte di Natale del 1400 venne raso al suolo dai saraceni. E proprio ai saraceni è legata la leggenda del polpo, considerato un animale portafortuna in alcune culture marinare.

Il salvataggio del polpo campanaro

Tellaro era sorvegliato da una sentinella che, in caso di pericolo, doveva immediatamente suonare le campane della chiesa di San Giorgio per avvisare gli abitanti. Durante una notte tempestosa, la vedetta, convinta che nessuno avesse il coraggio di avventurarsi in mare, si addormentò serena.

Poco dopo, però, i pirati saraceni si avvicinarono alla riva, pronti ad attraccare. Improvvisamente si udirono le campane suonare: i tellaresi si svegliarono all’istante e si precipitarono a difendere il borgo. Una volta respinti i saraceni, si chiesero chi fosse stato a salvarli e, con molta sorpresa, si accorsero del polpo abbarbicato al campanile con i suoi maestosi tentacoli.

La leggenda trae origine da un fatto realmente accaduto. Nel 1660, durante un’incursione notturna, un gruppo di saraceni guidati da Gallo D’Arenzano tentò una fallita offensiva al borgo. Una targa affissa all’esterno della chiesa di San Giorgio ricorda l’avvenimento. Da allora il polpo è diventato il simbolo del paese.

 

Fonte foto: https://borghipiubelliditalia.it/borgo/tellaro/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione