Nautica in un ritratto | Fulvio De Simoni: “Ci sono molte prime barche: la prima nello studio dove hai imparato, quella nel tuo primo studio e la prima realizzata da solo”

L'architetto Fulvio De Simoni è uno dei più celebri designer di imbarcazioni da diporto in attività. Il suo atteggiamento anticonformista si riflette chiaramente nei suoi progetti

Fulvio De Simoni, ligure, originario delle Cinque Terre, dopo gli studi ha iniziato la carriera di progettista a Milano. Nel 1983 fondò Italprojects, studio specializzato nel settore navale da diporto.

Durante la lunga carriera, costellata di innumerevoli progetti e riconoscimenti a livello italiano ed internazionale, ha collaborato con cantieri prestigiosi come Pershing, Rossinavi, Mochi Craft, Ilver, Antago, Filippetti, Raffaelli in Italia; Gallart ed Astondoa in Spagna, Ocea e Simonneau in Francia, Trojan in U.S.A, Inace e Tarpon in Brasile e molti altri.

E’ tra i più conosciuti designer di imbarcazioni da diporto in attività. Nei suoi progetti ha sempre cercato, grazie all’originalità delle scelte, di tracciare segni innovativi e diversi. L’atteggiamento anticonformista si riflette chiaramente nei suoi progetti.

L’iniziale intuizione, frutto di una competenza vasta e multidisciplinare, è seguita nei suoi progetti da una lunga e impegnativa fase di affinamento e ottimizzazione quasi maniacale, che arriva alla definizione di ogni dettaglio, aiutato da un valido team di collaboratori inseriti in una nuova compagine che dal 2016 ha preso il suo nome: Fulvio De Simoni Yacht Design.

Architetto De Simoni, com’è avvenuto il suo incontro con la nautica?

Da molto giovane, a 13 anni, a Monterosso ho avuto la mia prima imbarcazione, una lancetta di 3 metri e 80. Da allora ho sempre avuto il mare in testa.

Quali sono gli elementi che un architetto deve considerare e ponderare nel progetto di una nuova imbarcazione?

Devo dire che è importante la destinazione d’uso: se si tratta di una barca di serie o one-off. Per un progetto custom le richieste dell’armatore sono preponderanti. Nel caso della produzione in serie la capacità del cantiere e l’interpretazione delle aspettative del mercato sono gli ingredienti primari.

Quanto e come influiscono le richieste di un armatore? Si rispettano a pieno o si lascia spazio alla creatività del designer?

Le richieste del cliente spesso sono stimolate dalla proposta del designer. Nel corso dello sviluppo del progetto le idee e le scelte dell’armatore, le cui aspettative sono proporzionali al consistente investimento, possono portare a limitare lo spazio creativo del designer.

La prima barca non si scorda mai. Lei ricorda la prima che ha disegnato?

Ci sono molte prime barche: la prima nello studio dove hai imparato, quella nel tuo primo studio, la prima realizzata da solo. Ricordo la prima realizzata nel primo studio, una barca a vela di 10 metri e 80, più larga di tutte le barche in produzione nel 1976.

Qual è il progetto a cui è più legato e perché?

Il Pershing 88′. Per le soddisfazioni personali che mi ha regalato.

Al di là del suo lavoro, qual è oggi il suo rapporto con il mare?

Ho una barca di 21 metri, progettata da me naturalmente, poi ho anche un gommone di 8 metri, e sto cercando di comprare un gozzo in legno, per tornare a fare un po’ di piccolo cabotaggio alle Cinque Terre, come una volta.

 

Giuseppe Orrù

Foto di Claudio Colombo

 

NAUTICA IN UN RITRATTO. Un progetto di Liguria Nautica e Claudio Colombo che propone una galleria di personaggi liguri o comunque con un legame con la nostra regione, che hanno lasciato un segno nella nautica italiana o con profonde radici e sinergie con il nostro mare. Per ognuno di loro, vi presenteremo un ritratto fotografico realizzato da Claudio Colombo e un’intervista del nostro giornalista Giuseppe Orrù, per conoscere meglio ogni protagonista, anche con curiosità sulla loro vita privata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione