Pesci del Mar Ligure: lo sciarrano

Un pesce molto diffuso nei nostri mari e che racchiude in sé caratteristiche e curiosità interessanti: scopriamo tutto quello che c’è da sapere sullo sciarrano

Esemplare di sciarrano
Esemplare di sciarrano - immagini prese dal web

Il Serranus scriba, denominato sciarrano ma anche “pesce barchetta” dai pescatori genovesi, è un pesce appartenente alla famiglia Serranidae. La sua forma e i suoi colori lo rendono molto particolare e interessante da osservare, oltreché molto utile per l’individuazione dei polpi. La sua popolarità è alta in quanto presente a diverse profondità e a distanze diverse dalla costa, dunque è facile incontrarlo sia per chi pesca sia per chi svolge attività in mare.

ASPETTO DELLO SCIARRANO

Le caratteristiche di questo pesce non lasciano spazio a dubbi nel riconoscerlo: il corpo è di forma allungata con pinne gialle e squame molto piccole che ricoprono una fantastica livrea a fasce verticali marroni alternate con altri colori più accesi, come una vistosa macchia azzurra sul ventre. Gli occhi sono sporgenti e la bocca è molto grande. Il comportamento dello sciarrano è spesso aggressivo nei confronti degli altri pesci in quanto molto territoriale, tuttavia le sue dimensioni medie rimangono piuttosto piccole e si aggirano intorno ai 20 cm. Il suo comportamento è piuttosto statico, non si sposta di molto dal punto in cui si trova.

ALIMENTAZIONE

Lo sciarrano si ciba prevalentemente di piccoli pesci e crostacei come scampi e gamberetti, che riesce a prendere e a ingerire grazie alla sua bocca molto ampia. Non sono esclusi dalla sua dieta i molluschi, di cui ne è ghiotto, come i polpi che sono preda anche di altri pesci quali gronghi e murene. Le sue zone di caccia sono dunque quelle scogliose, dove si spinge nelle cavità, ma non disdegna anche quelle sabbiose con ciuffi di posidonia.

CURIOSITA’

Data la sua voracità, lo sciarrano è un pesce in continua ricerca di cibo. Per questo motivo spesso risulta essere un importante segnale di riferimento per individuare i polpi durante attività quali snorkeling, subacquea e pesca in apnea. Infatti, una volta notato un polpo, lo sciarrano assume un atteggiamento particolare: rimane immobile per tutto il tempo puntandogli lo sguardo. In questa maniera è facile poi che altri pesci incuriositi lo raggiungano e si mettano a nuotare in cerchio lì attorno.

CUCINARE LO SCIARRANO

Anche se non si tratta di un pesce pregiato non è una rarità cucinarlo. Spesso finisce tra le maglie delle reti da pesca assieme ad altri pesci quali scorfani e perchie. Date le dimensioni simili tra loro, questi pesci finiscono con l’essere cucinati assieme per una buona zuppa di pesce, che è la loro destinazione per eccellenza. È sconsigliato cucinarlo in altra maniera data l’elevata quantità di spine presenti nelle carni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Pesci del Mar Ligure

Pesci del Mar Ligure: la salpa

Uno dei pesci più noti per la sua presenza costante a riva ma allo stesso tempo il meno gradito in cucina: ecco tutto quello che c’è da sapere sulla salpa

Pesci del Mar Ligure

Pesci del Mar Ligure: il pesce serra

Oramai presente in tutte le stagioni a causa del riscaldamento globale, il pesce serra è uno dei predatori più temuti sia dai pesci che dai pescatori

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione